Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Milano: lavoratrici sul tetto del San Raffaele

Giu' se licenziamenti sospesi

28 novembre, 17:12
Cartelli durante un flash mob di protesta dei lavoratori del comparto del San Raffaele lo scorso 8 novembre
Cartelli durante un flash mob di protesta dei lavoratori del comparto del San Raffaele lo scorso 8 novembre
Milano: lavoratrici sul tetto del San Raffaele

Le due lavoratrici dell'opsedale San Raffaele di Segrate (Milano), un'infermiera e un'operatrice socio-sanitaria, hanno spiegato alla polizia che scenderanno dal tetto dell'ospedale una volta che l'amministrazione "avrà sospeso la procedura di licenziamento collettivo e la disdetta di tutta gli accordi aziendali, decisa dall'azienda, e sarà aperto un tavolo di confronto con l'amministratore delegato. Una richiesta che è anche la nostra". A spiegarlo è Angelo Mulé, coordinatore della Rappresentanza sindacale unitaria (Rsu) del nosocomio. Le due lavoratrici sono dunque sul tetto dell'ospedale, nonostante il tentativo della vigilanza di farle scendere e alcuni momenti di tensione. Al momento è invece intervenuta la polizia, che ha raccolto le loro richieste e quelle dei sindacati. "La vigilanza ha cercato di far scendere le due lavoratrici - aggiunge Margherita Napoletano, delegata Rsu - dopo avergli tolto tenda e striscioni. Dopo è intervenuta la Digos, che sta gestendo la cosa. Noi stiamo cercando di far arrivare alle nostre colleghe un cambio di vestiti e scarpe asciutti". I rappresentanti sindacali si riuniranno questa mattina per decidere il da farsi.

IMPEGNO BEDIN SIA PUBBLICO - "Se Bedin è davvero disposto a incontrarci subito a un tavolo, che lo dichiari pubblicamente. Già troppe volte in passato ha detto delle cose che poi non ha fatto". A dirlo all'ANSA è Daniela Rottoli, una delle due lavoratrici salite sul tetto dell'ospedale San Raffaele di Milano dalle 6 di questa mattina,rivolgendosi all'amministratore delegato del nosocomio. "Vogliamo che Bedin si impegni a partecipare a un tavolo con noi e non mandi qualcun altro al posto suo - continua - E chiediamo anche che consideri di sospendere i licenziamenti". Rottoli, vicecordinatrice della Rsu, spiega che la decisione di salire sul tetto è stata presa "per dare visibilità alla nostra vertenza - prosegue -. Tutti i giornali e le televisioni hanno parlato della lettera mandata da Bedin ai lavoratori l'altro giorno, ma nessuno parla dei lavoratori". Rottoli ha infine spiegato che per ora sono solo lei e la sua collega "sul tetto - conclude - anche perché la tenda è per due. Qui le condizioni, con questo tempo, sono molto difficili".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni