Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Ruby: Nadia, sesso a pagamento con il premier Berlusconi

04 novembre, 14:29

Nadia Macri', la escort 'Nadia' amica di Perla Genovesi, a quanto si apprende in ambienti investigativi, ha raccontato ai magistrati di Palermo di avere avuto due incontri sessuali con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e di avere per questo ricevuto, ogni volta, una busta con 5000 euro come compenso. Le dichiarazioni della escort sono riportate in un verbale di interrogatorio che la ragazza ha reso ai primi di ottobre ai magistrati di Palermo. Il verbale e' stato secretato ed e' negli atti dell'inchiesta di cui si valuta il trasferimento a Milano.

Nell'interrogatorio reso ai pm, la escort e' stata imprecisa nella ricostruzione temporale dei due incontri con Berlusconi, che avrebbe comunque collocato tra il 2009 e il 2010. In uno dei due Nadia Macri' avrebbe visto il premier in una sua villa a Milano: anche su questo punto la ragazza non sa dare particolari, ad esempio non ricorda se si tratti di Arcore. I due avrebbero parlato, poi Berlusconi le avrebbe regalato degli Swarovski e l'avrebbe invitata ad andare con lui in Sardegna.

Dopo alcuni giorni la escort e il premier, insieme a un'altra ventina di ragazze, si sarebbero visti nella villa di Berlusconi e li', dopo una cena a cui avrebbero partecipato anche altre persone, si sarebbe consumato il rapporto sessuale, per il quale la escort afferma di aver ricevuto 5000 euro. Nell'altra occasione i due si sarebbero visti a Milano. Anche in questo caso ci sarebbe stata una cena con altre persone e poi un rapporto sessuale con altri 5000 euro in busta. La ragazza riferisce anche di incontri a luci rosse avvenuti in una vasca idromassaggio.

Nadia Macri', la escort che ha raccontato ai magistrati di Palermo di avere avuto due incontri sessuali a pagamento con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, ha anche riferito di essere stata introdotta al premier, in una delle due occasioni, da Lele Mora ed Emilio Fede. La notizia e' confermata in ambienti investigativi. Le dichiarazioni della ragazza sono contenute in un verbale di interrogatorio da lei reso ai pm del capoluogo siciliano ai primi di ottobre. La escort ha anche raccontato che a fare da tramite tra lei e Berlusconi nell'altra occasione e' stato un politico emiliano di cui non sarebbe stata in grado di fare il nome.

Nadia Macri' non sarebbe stata in grado di precisare quale dei due incontri sarebbe riuscita ad avere con Berlusconi grazie all'aiuto di Lele Mora ed Emilio Fede. Il ricordo della escort e' apparso ai magistrati impreciso e lacunoso anche nella ricostruzione di come avrebbe conosciuto Mora. La ragazza ha riferito di averlo conosciuto in ambienti di discoteche e che attraverso questi sarebbe arrivata a Fede. Macri' racconta di essere andata a trovare il giornalista al Tg4 e di essere stata quindi da lui introdotta a Berlusconi. Del secondo tramite col premier - il politico emiliano - la escort racconta di averlo conosciuto come cliente e di avergli chiesto, saputo che era ''un pezzo grosso'', se poteva presentarla al presidente. Lui le avrebbe risposto di stare tranquilla e che li avrebbe messi in contatto. Dopo qualche tempo la giovane donna avrebbe ricevuto una telefonata di Berlusconi.

RUBY SI DIFENDE - Dopo essere uscita dalla Questura di Milano, dove era stata condotta perché accusata di furto da Caterina, la sua ex convivente, "Nicole (Minetti - ndr) mi ha detto che l'aiuto era arrivato da Silvio. Poi me lo ha passato al telefono e lui mi ha detto che non voleva più vedermi. La Minetti mi disse che ero incosciente e mi invitò a farmi la mia vita". Lo ha detto Ruby, la giovane marocchina, intervistata da 'Oggi'.

''Caterina - ha detto Ruby a Oggi - mi ha fatto portare in Questura. Mi accusava di furto, io invece per tre mesi le avevo pagato affitto e bollette. Al quel punto e' arrivata Michelle O. (la nuova convivente, ndr) e ha chiamato Nicole Minetti, che non conoscevo. Appena la Minetti e' arrivata, tutto si e' sbloccato. Una funzionaria ha detto che dovevano lasciarmi andare, che ero la nipote di Mubarak e sono andata via con Michelle e Nicole''. Uscite dalla Questura, Nicole avrebbe detto alla marocchina che l'aiuto era arrivato dal premier e glielo avrebbe passato al telefono: ''lui mi ha detto che non voleva piu' vedermi''.

RUBY: DA 27/5 INTERROGATA 23 VOLTE, PM CHIESTO SOLO DI SILVIO - ''Dopo il 27 maggio sono stata interrogata 23 volte dai pubblici ministeri Pietro Forno e Antonio Sangermano, che mi hanno chiesto solo di Silvio'': e' quanto ha dichiarato Ruby ad 'Oggi'. ''A loro - ha aggiunto - ho raccontato solo del 14 febbraio, non so le altre due serate da dove sono uscite. Io non gliene ho mai parlato. Per farmi bella, spesso raccontavo storie alle mie amiche, ma non ai magistrati. Ad alcune amiche parlai di showgirl e ministre alle cene di Silvio''.

RUBY: QUELLA SERA HO MENTITO SULL'ETA' - "La mia sola colpa è stata quella di aver mentito sull'età. La colpa di Silvio, invece, è quella di fare entrare in casa sua gente che non conosce. Lui è un'istituzione, dovrebbe comportarsi di conseguenza. Casini come Noemi e la D'Addario se li è cercati. Non può pretendere discrezione da gente sconosciuta". Così dice Ruby, Karima El Mahroug in una intervistata al settimanale OGGI in edicola da domani. "Sono stata a casa di Berlusconi ad Arcore il 14 febbraio scorso - racconta - e non tre volte. Non abbiamo mai fatto sesso". "Sono stata portata a casa sua dalla mia amica Priscilla, brasiliana, agente immobiliare. Sapeva che ero in difficoltà e ha pensato che Silvio potesse aiutarmi. Sono senza documenti, non potevo stare a casa sua. Ci tengo a dire che né Priscilla, né Silvio né Lele Mora sapevano che ero minorenne. Ho detto a tutti che avevo 24 anni".

RUBY: BERLUSCONI PRENDEVA IN GIRO BERSANI - Quella sera del 14 febbraio nella villa di Berlusconi a Arcore, il Premier davanti alle invitate "prendeva in giro politici di sinistra, tipo Bersani". Lo ricorda Ruby nell'intervista al settimanale 'Oggi'. "Ci ha fatto vedere una statua di marmo con la sua faccia e il corpo di Superman - aggiunge - Poi mi ha dedicato una canzone, perché ero nuova. Mi ha cantato 'Se tu non fossi tu' di Apicella".

FEDE, STA DIVENTANDO GIOCO PERICOLOSO - ''Non ho mai sentito nominare quella Nadia Macri', ormai sta diventando un gioco pericoloso e ai magistrati vorrei dare un suggerimento, mettetele tutte in galera, anzi meglio in manicomio''. Lo ha detto il direttore del Tg4, Emilio Fede, rispondendo all'ANSA sulla nuova inchiesta in cui sarebbe coinvolto a Palermo. ''Tutto cio' sta creando dei precedenti pericolosi - ha detto Fede - e' chiaro che chiunque vuole farsi un po' di pubblicita' puo' fare il mio nome. Siamo ormai al limite del ricatto, infatti consiglierei ai magistrati di ammanettare tutte queste donne con l'accusa di tentata estorsione''. ''Io non ho mai presentato a Berlusconi nessuna ne' gratis ne' a pagamento'', ha concluso il direttore del Tg4.

PROCURATORE, PROCEDURE DI AFFIDO CORRETTE - ''Procedure di identificazione, fotosegnalazione e affidamento sono state correttamente eseguite e non sono previsti ulteriori accertamenti sul punto''. Lo ha detto il procuratore della Repubblica di Milano, Edmondo Bruti Liberati, riguardo a quando Ruby venne portata in Questura e poi venne rilasciata dopo qualche ora e affidata alla consigliere regionale Nicole Minetti.

Dopo che la Procura di Milano ha accertato che le procedure di identificazione e di affido di Ruby quella notte in Questura vennero effettuate correttamente, rimane da sciogliere il nodo delle presunte pressioni, relative alle due telefonate giunte da Palazzo Chigi: una in cui il capo scorta del premier e poi lo steso premier parlano con il capo di gabinetto Pietro Ostuni e la seconda fatta sempre dal capo scorta del presidente del Consiglio allo stesso Ostuni. Nella prima telefonata Ruby veniva indicata come nipote del presidente egiziano Mubarak e si invitava gli agenti a non affidarla a una comunita' di accoglienza, ma alla consigliera regionale Nicole Minetti, che si era offerta di prenderla in affido.
 
MARONI, SODDISFAZIONE PER PAROLE PROCURATORE - ''Soddisfazione'' e' stata espressa dal ministro dell'Interno, Roberto Maroni, per le parole del procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati, sulla correttezza delle procedure per l'ffido di Ruby. ''Io - ha aggiunto il ministro a margine di una visita a Gerusalemme - sono sempre stato certo della correttezza dei miei uomini: oggi c'e' l'autorevole conferma da parte della Procura che la Questura di Milano ha agito correttamente e questo sgombra il campo da tutte le illazioni fatte''.
 
MARONI, ORA AGIREMO CONTRO CHI HA INFANGATO QUESTURA - ''Prima si accertera' la verita' sul caso
Ruby, poi si procedera' contro chi ha gettato fango, come 'La Repubblica', sulla Questura di Milano, a tutela della credibilita' e del buon nome della polizia''. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, commentando - a margine di una visita istituzionale a Gerusalemme - le parole del procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati, sulla vicenda della giovane marocchina.
 
E' stato sentito per circa un paio d'ore l'ex questore di Milano Vincenzo Indolfi, convocato questa mattina negli uffici della polizia giudiziaria, in piazza Umanitaria, dal Procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dal pm Antonio Sangermano per far luce su quanto accadde la notte tra il 27 e il 28 maggio. Notte in cui Ruby venne portata negli uffici di via Fatebenefratelli e, dopo la telefonata giunta da palazzo Chigi che indicava la giovane come nipote del presidente egiziano Mubarak, affidata alla consigliera regionale Nicole Minetti che si era offerta di occuparsi di lei.
 
E proprio il nome di Karima El Mahroug compare in un'indagine partita nel 2009 e poi ampliatasi dopo le ultime dichiarazioni della stessa Ruby. Il procedimento riguarda un giro di escort d'alto bordo legate al mondo dei vip dello spettacolo e dei locali piu' alla moda di Milano. Il nome della giovane, secondo quanto si e' appreso, appare in alcuni accertamenti tecnici che evidenzierebbero suoi incontri con imprenditori in un hotel di lusso del centro. Incontri a pagamento, che non sarebbero stati isolati o d'iniziativa ma coordinati all'interno di una piu' ampia rete di conoscenze e amicizie gestite, secondo le accuse, da alcuni nomi noti e meno noti.

Secondo le risultanze degli investigatori, che seguono l'indagine, e secondo anche alcune successive dichiarazioni che sarebbero state rilasciate da Ruby dopo i fatti di maggio, nel procedimento ci sarebbero anche i nomi di Lele Mora e di Nicole Minetti. Intanto questa mattina Indolfi, che nei giorni scorsi ha preparato una relazione sulla vicenda per il Viminale, nel faccia a faccia con i pm avrebbe spiegato di come seppe della telefonata di Silvio Berlusconi - venne immediatamente informato dal capo di gabinetto Pietro Ostuni - e della seconda chiamata arrivata dalla presidenza del Consiglio (il caposcorta del premier) e, poi, della procedura seguita dai funzionari fino al 'rilascio' della ragazza.

L'ex questore avrebbe ripercorso passo passo, e in base alle relazioni degli agenti che quella notte si occuparono del caso, quel che accadde in quelle ore dall'ingresso di Ruby in Questura fino a quando venne affidata nelle mani di Nicole Minetti. Una testimonianza, quella di Indolfi, che sarebbe stata a tratti anche tesa e che ha innescato voci definite dagli inquirenti ''infondate'' su una sua possibile iscrizione nel registro degli indagati. Una testimonianza che si aggiunge a quella di due giorni fa di Pietro Ostuni e del commissario capo Giorgia Iafrate, e che e' fondamentale per gli accertamenti.

I pm dovranno sciogliere alcuni nodi: non solo se ci furono o meno ''pressioni'' dalla Presidenza del Consiglio ma se i poliziotti rispettarono le disposizioni date dal pm dei minori di turno Annamaria Fiorillo che, da fonti vicino alla Procura dei Minori, aveva espresso perplessita' circa la parentela 'illustre' della giovane e aveva disposto e ''ribadito piu' volte'' di collocarla in comunita'. Diversa la versione della Questura che afferma che venne data l'autorizzazione ad affidare la minorenne alla Consigliera Minetti.

Quella sera, inoltre, a causare l'accompagnamento in Questura di Ruby fu un'ingenuita' della ragazza. Perche' lei, dopo la lite nel centro estetico di corso Buenos Aires e l'intervento della polizia, aveva subito dato le sue vere generalita' (pur non avendo i documenti) agli agenti della Volante, dalle quali era cosi' risultato un ordine di rintraccio a suo carico per scomparsa da una comunita' protetta.

E mentre il caso Ruby approdera' alla riunione del Copasir in programma per mercoledi' prossimo - il deputato del Pd Ettore Rosati porra' ''la questione di chiedere con urgenza al presidente del Consiglio di relazionare per spiegare sia l'eventuale abuso di potere'' -, la giovane da oggi maggiorenne, avrebbe gia' venduto a un noto settimanale di gossip le foto in esclusiva della festa del suo compleanno. E riguardo a indiscrezioni su una sua nuova testimonianza davanti ai pm di Milano per mercoledi', il suo legale Massimo Dinoia ha precisato che ''al momento non e' arrivato alcun avviso di convocazione''.

RUBY: BLITZ IN CASA-FAMIGLIA, SEQUESTRATI ABITI E SCARPE - Abiti e scarpe firmate, effetti personali, fotografie ed altro materiale. E' quanto gli agenti della squadra mobile di Milano hanno sequestrato a Karima El Mahroug, nota come Ruby, all'interno dell'istituto Kinderheim di Sant'Ilario, la sua ex casa-famiglia, giovedì scorso. La notizia è stata pubblicata stamani dal "Corriere della Sera" e dal "Secolo XIX". A confermare il blitz è stata la stessa direttrice della casa famiglia che ha vagliato il decreto di perquisizione della polizia milanese. Tutto il materiale portato via dal Kinderheim è stato posto sotto sequestro e sarà analizzato nelle prossime ore nell'ambito dell' inchiesta sulla prostituzione di alto bordo in cui Ruby sarebbe formalmente indagata sempre dalla procura di Milano. Il blitz degli agenti è scattato giovedì pomeriggio intorno alle 17. I poliziotti, in tre, si sono presentati presso la casa famiglia sulle alture di Sant'Ilario. Hanno portato via diversi oggetti ma anche interrogato tutte le ragazze della struttura ed anche la stessa direttrice.

Ci sarebbero anche carte, fotografie e appunti relativi al libro che Ruby sta scrivendo e che si intitolera' 'Il mio specchio' tra il materiale sequestrato dagli uomini del nucleo di pg della procura di Milano all'interno della casa-famiglia 'Kinderheim' di sant'Ilario, sulle colline di Genova. Secondo quanto appreso, la perquisizione e il relativo sequestro di alcuni abiti e di bigiotteria resa possibile dall'iscrizione nel registro degli indagati della ragazza per il reato di furto, avrebbe portato al rinvenimento anche di materiale cartaceo definito 'interessante' oltre ad alcune foto scattate durante party privati. Foto che potrebbero confluire in un altro fascicolo, aperto sempre dalla procura di Milano, sullo sfruttamento della prostituzione. Gli appunti invece potrebbero, sempre secondo indiscrezioni, essere riferibili al libro che Ruby sta scrivendo nel quale ha promesso di scrivere ''tutto di tutti''. L'allora avvocato di Ruby, Luca Giuliante, ha escluso di aver ricevuto la notifica di decreti di sequestro probatorio o notifiche di prequisizioni. Atti, ha spiegato il legale, necessari perche' Ruby era, in quell'epoca, domiciliata presso lo studio milanese del professionista. Il blitz della polizia si e' comunque consumato mentre si verificava il passaggio di consegne tra l'avv. Giuliante e l'avv. Massimo Dinoia; Giuliante infatti ha dovuto rimettere l'incarico perche' legale di Lele Mora.

RUBY: SILVIO SIA PIU' PRUDENTE IN CASA SUA TROPPE OCHE - "Nella vita ci sono porte che si aprono e che si chiudono. Lui (Silvio Berlusconi) con me ha aperto la porta, mi ha aiutata e poi la porta si è chiusa". A parlare è Karima El Mahroug, nota come Ruby Rubacuori, in un'intervista a La Repubblica. Karima prende le difese del premier e aggiunge che Berlusconi "fa bene a dire che ama la vita e ama le donne e ha ragione a rivendicare il suo stile di vita. Ognuno - aggiunge - può fare quello che vuole. Certo se vai a donne.." e a questo punto dà al premier un consiglio: "gli consiglio di essere più discreto. Ci sono tante oche e ochette che passano da casa sua, magari lo possono fregare. Ma come si dice, sul marciapiede c'é posto per tutte". La neo diciottenne marocchina afferma di essere stata due volte a casa di Berlusconi, attraverso Lele Mora e di avere raggiunto il luogo in taxi con un'amica, mentre ripete che Emilio Fede l'ha conosciuto in un concorso di bellezza in Sicilia. "Lui all'inizio non si ricordava di me - prosegue - e ci può stare che un uomo della sua età non si ricordi di una ragazza in mezzo a 120 ma poi gli è tornata la memoria". Quanto ai regali ricevuti dal premier, Ruby dice di aver ricevuto 7mila euro ma non un'automobile e poi tenta di ricostruire la sera del 27 maggio, quando è stata fermata a Milano dalla polizia. A chiamare Berlusconi ci avrebbe pensato una sua amica, Michelle, che "ha i numeri di Berlusconi". Infine aggiunge di non sentirsi in colpa "per nessuno". "Io non ho fatto niente di male - dice - . A me non me ne frega niente, io voglio fare il carabiniere e alla fine ci riuscirò". I progetti della ragazza per il futuro riguardano un trasferimento in Sicilia e il ritorno agli studi.

RUBY: A 'LIBERO' ANNUNCIA, GIOVEDI' VADO DA SANTORO - Karima El Mahroug, nota come Ruby, la giovane marocchina al centro dell'inchiesta della procura di Milano in primo piano nelle cronache di questi giorni, andrà in tv a dire la sua giovedì sera, ospite di Michele Santoro ad Annozero. Lo annuncia in un'intervista pubblicata oggi da Libero: "Vado in tv - dice la neodiciottenne marocchina - e ci vado gratis. Non so chi saranno gli altri ospiti, non mi interessa, non ho paura". "Ci stiamo lavorando", si limitano a commentare dalla redazione del programma. Nell'intervista, Ruby sostiene ancora di andare in tv per togliersi di dosso "l'immagine della zoccoletta. La vera Ruby - sottolinea - è una ragazza normale. Che vuole una vita normale". La giovane dice ancora che sta scrivendo "un libro con Chiarelettere" con "il giornalista di Panorama Giacomo Amadori", il quale però a 'Libero' smentisce: "Non sto lavorando ad alcun libro". E anche dalla casa editrice, interpellata dall'ANSA, si spiega che non c'é alcun progetto di libro che coinvolga Ruby.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni