Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Fisco: Bonanni, governo risponda o cambia la musica

Manifestazione a Roma di Cisl e Uil con oltre centomila persone per chiedere la riforma fiscale

09 ottobre, 23:37
Fisco: Bonanni, governo risponda o cambia la musica
Fisco: Bonanni, governo risponda o cambia la musica
Fisco: Bonanni, governo risponda o cambia la musica

(di Lucia Manca)
Un patto sociale tra governo nazionale, governi locali e parti sociali per riformare il sistema fiscale: Cisl e Uil sfidano il governo dal palco, a Roma, a piazza del Popolo, dove si è tenuta la manifestazione promossa dalle due sigle per chiedere meno tasse per lavoratori dipendenti e pensionati, spostando il carico sulle rendite finanziarie, più lavoro, lotta all'evasione, politiche di sviluppo più incisive, sostegno alle famiglie e bonus per i figli. Una manifestazione "straordinaria: è l'Italia della responsabilità. Questo sindacalismo è maggioritario, il modo migliore per mettere all'angolo i violenti", dice il leader cislino, Raffaele Bonanni, appena arriva guardando la piazza. A parteciparvi - secondo gli organizzatori - sono stati in oltre centomila. E a giudicarla "straordinaria" è pure il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, secondo il quale le richieste sindacali sono in linea col progetto Tremonti. Una manifestazione, quella di oggi di Cisl e Uil per la prima volta in piazza senza Cgil, non 'contro' ("i nostri avversari sono gli evasori"), ma 'per': l' obiettivo è il Patto con al centro la questione fiscale ("la prima riforma economica di cui il Paese ha bisogno"). "La stragrande maggioranza dei lavoratori - scandisce il numero uno della Uil, Luigi Angeletti - paga più tasse dei loro datori o di quello che paga chi ha un reddito finanziario: uno scandalo sociale ed economico". "Oggi a pagare l'Irpef siamo solo noi: il bancomat di Stato, regioni, comuni e perfino province", ha affermato Bonanni che ha voluto anche mandare un messaggio al ministro dell'Economia: "Tremonti si fermi - ha detto - non metta i carri davanti ai buoi perché prima va discussa la riforma fiscale e poi va fatto il federalismo, cambiando i pesi che oggi gravano suoi poveri e non sui ricchi". Quindi, il pressing sull'intero governo: "risponda subito o per noi la musica cambia. Questo è lo spartiacque essenziale. Saremo rigorosi, non gli concederemo alibi, non gli daremo tregua, così come speriamo possano fare anche gli imprenditori". E poi rivolto a tutti, maggioranza e opposizione: basta con "con meretrici, appartamenti, litigi personali, ricatti, riforma della giustizia ed elettorale. Molti politici hanno dimenticato di essere loro i servitori del paese e non il contrario". Dunque, fisco ma non solo.

Nel mirino dei due sindacalisti anche i costi della politica, gli sprechi, le ruberie. "L'Italia ha gonfiato oltre misura il suo apparato politico - ha detto ancora Bonanni -. Il federalismo è cosa buona, ma si riducano i livelli amministrativi perché a pagare siamo noi. Tanti poteri creano la babele che è l'Italia di oggi con 7 mila società di servizi. Con 25 mila amministratori 'discarica dei trombati'". E Angeletti: "il costo della politica va tagliato, negli ultimi dieci anni si è speso il 40% in più, riducendo solo del 10% è possibile avviare il calo delle tasse". Plauso da Sacconi. Convinto che le due organizzazioni abbiano maturato una "forte condivisione di valori, metodo e proposte, tale da configurare un solo aggregato sindacale, certo il primo per dimensione rappresentativa nel sistema di relazioni industriali italiano". La richiesta di una nuova fiscalità più favorevole al lavoro e alla produzione di ricchezza, ha detto, corrisponde alla linea del progetto di riforma Tremonti "sulla base di un cantiere partito con il federalismo fiscale e destinato a svilupparsi in relazione all'andamento dell'economia e della finanza pubblica".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni