Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Papa, sconvolgente la visita allo Yad Vashem

Benedetto XVI, dare spazio alle altre religioni e agli atei

21 dicembre, 18:11
Papa Benedetto XVI
Papa Benedetto XVI
Papa, sconvolgente la visita allo Yad Vashem

CITTA' DEL VATICANO - La visita allo Yad Vashem, memoriale dell'Olocausto di Gerusalemme, è stata "un incontro sconvolgente con la crudeltà della colpa umana, con l'odio di un'ideologia accecata" ha detto Benedetto XVI nel suo discorso alla Curia romana per gli auguri natalizi. Il memoriale - ha detto il pontefice nel suo discorso, che giunge a pochi giorni dal riconoscimento delle 'virtu' eroiché di Pio XII e del conseguente riaccendersi del dibattito sulla sua beatificazione - "é in primo luogo un monumento commemorativo contro l'odio, un richiamo accorato alla purificazione e al perdono, all'amore". Nel museo dello Yad Vashem è esposta una targa che condanna i presunti "silenzi" di Pio XII sulla Shoah.

APRIRE ALLE ALTRE RELIGIONI E AD ATEI - La Chiesa cattolica dovrebbe "aprire una sorta di 'cortile dei gentili' dove gli uomini possano in qualche maniera agganciarsi a Dio" e "al dialogo con le religioni deve oggi aggiungersi soprattutto il dialogo con coloro per i quali la religione è una cosa estranea" ha aggiunto il Papa ha auspicato, citando il profeta Isaia, la creazione di uno "spazio di preghiera per tutti i popoli", anche per quelli ai quali "Dio è sconosciuto".

CHIESA NON CEDA ALLA TENTAZIONE DI FARE POLITICA - I vescovi e i sacerdoti non devono "cedere al tentazione di prendere personalmente in mano la politica", ma praticare e interpretare "nel modo giusto" "una laicità positiva". Papa Ratzinger ha ricordato il recente Sinodo per l'Africa, cogliendo l'occasione per spiegare l'atteggiamento della Chiesa cattolica nei confronti della cosa pubblica. "La questione molto concreta davanti alla quale i pastori si trovano continuamente - ha detto - è, appunto, questa: come possiamo essere realisti e pratici, senza arrogarci una competenza politica che non ci spetta? Potremmo anche dire: si trattava (al Sinodo per l'Africa, ndr) del problema di una laicità positiva,praticata e interpretata in modo giusto". Un concetto - ha sottolineato - sviluppato nell'enciclica Caritas in veritate, che ha chiarito "la collocazione teologica e concreta della dottrina sociale della Chiesa". Chiesa alla quale spetta piuttosto - ha poi aggiunto il pontefice - innescare i processi "pre-politici" finalizzati alla pace e allo sviluppo, primo fra tutti quella "riconciliazione con Dio", presupposto della pace con sé stessi, con il prossimo e con il creato.

CONGRESSO MONDIALE EBREI, BEATIFICAZIONE INOPPORTUNA - La decisione di Benedetto XVI di beatificare Pio XII è "inopportuna e prematura": è quanto fa sapere il Congresso mondiale degli ebrei in un comunicato diffuso oggi. Per il presidente del Congresso Ronald S. Lauder, occorre prima aprire gli archivi di Papa Pacelli per poter giudicare davvero quale fu il suo comportamento durante il periodo 1939-1945: "Finché non si sarà raggiunto un parere sulla sua azione o inazione sulla persecuzione di milioni di ebrei, una beatificazione è inopportuna e prematura", ha detto lauder in un comunicato.

KASPER: VISITA SINAGOGA IMPORTANTE, ORA DIPENDE DA EBREI - La visita di Benedetto XVI alla sinagoga di Roma prevista per il 17 gennaio prossimo "é molto importante, anche per la comunità ebraica", "spero possa avere luogo" ma ora è soprattutto "una decisione degli ebrei". Lo ha detto all'ANSA il card. Walter Kasper, presidente del pontifico consiglio per la promozione dell'Unità dei cristiani che ha aggiunto di non essere a conoscenza di alcun contatto tra il Vaticano e gli esponenti ebraici romani per un eventuale annullamento dell'appuntamento, dopo che sabato scorso papa Benedetto XVI ha fatto avanzare il processo di beatificazione di Pio XII, il papa accusato da gran parte del mondo ebraico di aver taciuto di fronte alla Shoah. "Io non so nulla di questo - ha detto Kasper riferendosi all'ipotesi dell'annullamento. La visita - ha ribadito - è importante e spostare tutto adesso sarebbe difficile". In ogni caso - ha fatto presente - ora è una decisione degli ebrei".

AMB.LEWY, VISITA A SINAGOGA E' STORICA - La visita di Benedetto XVI alla sinagoga di Roma prevista per il 17 gennaio prossimo è "di dimensione storica" e "spero proprio che avrà luogo". Lo dice all'ANSA l'ambasciatore israeliano presso la Santa Sede, Mordechay Lewy che specifica di non essere l'ospite della visita (l'invito è partito dal rabbino di Roma, Riccardo Di Segni) e di parlare quindi a titolo personale. Lewy getta comunque acqua sul fuoco dopo la decisione con cui Benedetto XVI sabato scorso ha fatto avanzare il processo di beatificazione di Pio XII, avversato da parte del mondo ebraico per il suo presunto silenzio sulla Shoah. "Le reazioni ebraiche - minimizza - sono state piuttosto moderate". La beatificazione di Pio XII, ha aggiunto, "é un fatto interno alla Chiesa e se la Chiesa intende elevarlo agli onori degli altari e ad esempio morale è qualcosa che sta a loro decidere". Per quanto riguarda il presunto silenzio di Pio XII, Lewy afferma: "é una questione controversa che sarà discussa a lungo, forse all'infinito". Lewy si dice comunque "ottimista" sia sulla visita di Ratzinger alla sinagoga sia sulle relazioni tra ebrei e cattolici. "Dobbiamo esserlo", conclude.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni