Percorso:ANSA.it > Economia > News

Rete Imprese: crollo redditi a 1986, gelo consumi

23 gennaio, 10:04
Consumi giù di 15 anni
Consumi giù di 15 anni
Rete Imprese: crollo redditi a 1986, gelo consumi

Balzo indietro di 27 anni, nel millennio scorso, per il reddito delle famiglie italiane. Quest'anno ogni italiano può contare su un reddito di 16.955 euro, in calo di quasi 900 euro (-4,8%) su quello dell'anno scorso. E ai livelli di quello che le famiglie godevano nel lontano 1986 (in euro 16.748). La crisi ha fatto fare un tuffo all'indietro, di 15 anni, anche ai consumi: 15.695 euro a testa nel 2013, poco meno di com'erano nel 1998.

Consumi che hanno segnato una contrazione del 4,4% nel 2012 sul 2011 e si preparano a diminuire anche quest'anno (-1,4%). La fotografia scattata dall'ufficio studi di Rete Imprese Italia tratteggia una famiglia italiana in forte difficoltà, più povera e sfiduciata. Non va meglio alle imprese, schiacciate da una tassazione-record che nel 2013 supererà la soglia del 56%, nove decimi di punto in più rispetto alla pressione fiscale reale dell'anno scorso, dice l'analisi.

Drammatico il saldo natalità-mortalità delle imprese nel 2012: 100mila le aziende "morte" l'anno scorso in Italia, considerando manifatturiero, costruzioni, artigianato, servizi. Di fatto "nel 2012 ha chiuso un'impresa al giorno", come ha spiegato il presidente di turno di Rete Imprese Carlo Sangalli (Confcommercio) nel presentare insieme agli altri quattro presidenti delle associazioni aderenti (Casartigiani, Confesercenti, Cna, Confartigianato) la mobilitazione nazionale del prossimo 28 gennaio, quando l'organizzazione delle Pmi presenterà la propria agenda alle forze politiche che si candidano a guidare il Paese.

"Un grido d'allarme che ci giunge dalle stesse imprese - ha detto Sangalli - che non ce la fanno più a reggere il peso della crisi. L'obiettivo prioritario irrinunciabile di politica economica per chiunque governerà deve essere l'impresa". Tutti i dati ampliano poi la loro negatività nel Mezzogiorno (16,6% tasso di disoccupazione al Sud, oltre il doppio del Nord). E se lo spread sul Bund nel 2012 è diminuito, non sono migliorati però i tassi bancari attivi per le Pmi, che pagano fino all'11% il costo del denaro contro il 5% delle grandi imprese", afferma Mariano Bella, direttore Centro studi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni