Percorso:ANSA.it > Associate > News

Liberalizzazioni: partite Iva, ok Antitrust, stop lacci

Cna professioni, si' a mercato regolamentato ma con liberta'

09 gennaio, 13:41

Sono almeno 1 milione e 700mila i professionisti senza ordine. I 'non regolamentati', le cosiddette partite Ivà sono schierati dalla parte opposta di chi difende strenuamente gli ordini professionali dalla ventata di liberalizzazioni da parte del governo, confermate dalla direttiva dell'Antitrust. D'accordo con le posizioni dell'Antitrust si dice Giorgio Berloffa, presidente di Cna Professioni. "L'obiettivo non è - puntualizza - creare una lobby, la nostra stella polare è l'utente. Sì invece a un mercato regolamentato ma nella libertà, nel quale il consumatore sia messo in grado di discernere tra un professionista competente e la Vanni Marchi di turno". Come? "Ad esempio attraverso un sistema di 'riconoscimento' a cui il professionista può fare riferimento, come le norme Uni o la certificazione Accredia, l'ente accreditamento degli enti accreditatori". In questo senso, dice Berloffa, va la proposta di legge all'esame della Commissione Attività produttiva della Camera, che ha già avuto parere positivo da quasi tutte le commissioni. Convinto che "con gli ordini professionali si deve convivere, alcuni hanno più di 100 anni, è impensabile eliminarli", Berloffa ritiene tuttavia "utile far fare loro una cura dimagrante, e alcuni potrebbero essere accorpati". "Gli ordini che si stanno opponendo con più fermezza alle liberalizzazioni non a caso sono quelli - dice - dei farmacisti e dei notai. Una farmacia in una zona centrale cittadina vale milioni di euro, e la vendita dei farmaci non è certamente la quota maggiore del business. Eppure l'ordine si è battuto con forza contro la vendita presso punti esterni dei prodotti da banco. I notai sono una casta, l'ordine garantisce agli iscritti un reddito annuale minimo. Se questo non viene raggiunto interviene la cassa notarile per colmare il gap". Il presidente di Cna Professioni sottolinea che "circa 30mila studi dei patrocinatori extragiudiziali rischiano di chiudere se passa la riforma chiesta dall'ordine degli avvocati che si batte perché la consulenza giuridica diventi attività riservata. Un giro di vite insomma - rimarca - altro che liberalizzazioni".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni