Percorso:ANSA.it > Associate > News

Istat, in primi 10 mesi 2010 chiusi 23 accordi

28 dicembre, 16:49

ROMA  - "Nei primi dieci mesi del 2010 si è assistito alla chiusura di 23 accordi (poco più di tre milioni di dipendenti), che nella maggioranza dei casi (15 su 23) adottano il nuovo modello triennale". E' quanto fa sapere l'Istat nel rapporto su "le relazioni industriali e la recente dinamica retributiva contrattuale". "Dei restanti otto, quattro - aggiunge - si riferiscono al secondo biennio economico, due riguardano la parte normativa quadriennale (comprensiva del primo biennio economico) e due il rinnovo del primo e secondo biennio".

Se si guarda al numero di dipendenti interessati dai rinnovi contrattuali, nei primi 10 mesi del 2010 la cifra, poco più di 3 milioni di lavoratori, è, quindi, più bassa rispetto a quella registrata in tutto il 2009, quando sono stati chiusi sempre 23 accordi ma relativi a 5,5 milioni di dipendenti. Guardando ancora indietro, negli anni 2007-2008, l'attività contrattuale, sottolinea l'istituto di statistica, é stata "intensa". Complessivamente, infatti, nei due anni sono stati siglati oltre 70 accordi che hanno coinvolto più di 12 milioni di dipendenti. Riguardo al grado di tempestività dei rinnovi, il settore dell'industria ha registrato il maggior numero di accordi (47 nel periodo da gennaio 2007 a ottobre 2010) e si caratterizza per il tempo di attesa media per rinnovo più contenuto e in progressiva riduzione. In particolare, spiega l'Istat, "con riferimento al 2009 e ai primi dieci mesi del 2010, l'attesa media al rinnovo per contratto risulta pari, rispettivamente, a 2,0 e 2,8 mesi e quello per dipendente a 0,3 e 2,6 mesi". mentre "per il settore dei servizi privati e ancor più per quello della pubblica amministrazione si osservano tempi di attesa per la definizione degli accordi in media molto lunghi: i valori più contenuti dell'attesa media del rinnovo per dipendente si registrano nel 2009, rispettivamente con 12,5 e 15,3 mesi, e salgono poi notevolmente nel 2010". Per i servizi privati diventano, infatti, 42,3 e per la Pa 32,5.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni