Percorso:ANSA.it > Associate > News

Pietro 'o guerriero, prima star del Grande Fratello

29 giugno, 09:45
Taricone con la moglie
Taricone con la moglie
Pietro 'o guerriero, prima star del Grande Fratello

di Elisabetta Malvagna


Ribattezzato 'o guerriero dai concorrenti della prima edizione del Grande Fratello 2000 per la sua prestanza fisica e per i suoi modi da latin lover, Pietro Taricone è stato la prima star nata dal Grande Fratello. Dotato di una forte personalità e di innata simpatia, fin dal suo debutto ha fatto parlare di sé: la love story con la vincitrice Cristina Plevani fece discutere allora l'opinione pubblica in seguito a un rapporto sessuale dei due in diretta tv all'alba del quinto giorno di permanenza, dopo essersi nascosti dietro una tenda. Il primo episodio "hot" del programma che è ancora tra i più seguiti della tv italiana ma che ha avuto in quella prima edizione un ruolo dirompente. Dopo la partecipazione al reality Taricone, nato a Frosinone il 4 febbraio 1975 ha intrapreso una carriera di attore partecipando a numerose fiction.

Originario di Trasacco, vicino L'Aquila, l'inquilino più famoso della Casa di Cinecittà è cresciuto a Caserta. Dopo la maturità scientifica si iscrive a Giurisprudenza, ma non completa gli studi. Svolge diverse attività, tra cui quella di amministratore di condominio. La prima apparizione successiva al Grande Fratello è stata al Maurizio Costanzo Show, a Uno contro tutti (2001), seguita da 10 milioni di telespettatori a testimoniare la grande popolarità raggiunta. Uscito dalla Casa, appare senza veli sul mensile Max e firma un contratto di esclusiva di due anni con la casa di produzione Titanus per interpretare alcune fiction televisive. Partecipa come ospite d'onore al Galà della pubblicità del 2001 e a un videoclip di Syria ('Se tu non sei con mé, nel 2002), in una ironica interpretazione di Superman. Intraprende poi la carriera di attore, tra cinema e tv, da Distretto di Polizia 3 (2002), a 'Ricordati di me' di Gabriele Muccino e 'Radio West' di Alessandro Valori (2003) e nel 2007 a 'Maradona, La mano de Dios' di Marco Risi, nel ruolo del pusher di Diego Armando Maradona. Proprio sul set di 'Radio West' conosce la sua compagna Kasia Smutniak, da cui nel 2004 ha avuto una figlia, Sophie.

Nel 2006 è invece un vigile del fuoco nella serie tv di Canale 5 'Codice rosso', nel 2008 torna con 'La nuova squadra', su Raitre, spin-off de La squadra e con 'Tutti pazzi per amore' su Raiuno, esperienza che ripete nel 2010. Nel 2009 recita anche in 'Feisbum! Il film', ispirato a Facebook. Un anno fa è stato opinionista, con una rubrica intitolata Pietro la notizia, in Niente di personalé su La7.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni