Percorso:ANSA.it > Altri Sport > News

Comaneci: gloria e drammi, i 50 anni di una farfalla

Rose e spine in compleanno - VIDEO

10 novembre, 19:20
Nadia Comaneci e Muhammed Ali all'aeroporto di Vienna il 19 novembre 1999, prima di partecipare al World Sport Awards
Nadia Comaneci e Muhammed Ali all'aeroporto di Vienna il 19 novembre 1999, prima di partecipare al World Sport Awards
Comaneci: gloria e drammi, i 50 anni di una farfalla

(di Guido Di Giammatteo)

ROMA - L'hanno chiamata Nadia ispirandosi a Nadiezhda (in russo speranza), l'eroina di un film sovietico. Ogni genitore coltiva speranze per i propri figli, ma Gheorghe a Alexandrina Comaneci certo non immaginavano, vedendola per la prima volta quel 12 novembre del 1961, che la loro piccola Nadia sarebbe diventata la più grande ginnasta della storia, la prima con 10 in pagella.

La 'fata di Montreal', che compie sabato 50 anni, è adesso una bella signora di mezza età, ma conserva la grazia di quando, bambina prodigio, volteggiava tra travi e parallele - come se nuotasse in un oceano d'aria, disse qualcuno -, iniziando un 'cursus honorum' che l'avrebbe portata a conquistare cinque ori olimpici, due titoli mondiali e nove europei.

Ma quanti drammi, sofferenze e sacrifici celano i trionfi sportivi della farfalla romena, che ora vive negli Stati Uniti, dove ha una scuola di ginnastica ed è impegnata in attività commerciali e benefiche. L' 'esplosione' di Nadia, uno scricciolo di 1 metro e 53 per 39 chilogrammi, avvenne alle Olimpiadi del 1976, quando, non ancora quindicenne, vinse tre medaglie d'oro (individuale, parallele e trave), un argento (a squadre) e un bronzo (corpo libero).

La giuria la premiò con una raffica di 10, i primi nella storia della ginnastica, che mandarono in tilt il sistema elettronico di votazione, tarato su tre cifre (fino a 9,99). A Montreal era nata una stella, che il regime di Nicolae Ceausescu subito sfruttò a fini di propaganda, per esaltare le 'glorie del comunismo'. Nadia veniva ricevuta a palazzo, fu insignita delle massime onorificenze, tra cui quella di 'eroe del lavoro socialista', e iniziò una terribile relazione, che sarebbe durata cinque anni, con Nicu Ceausescu.

Il figlio del dittatore "la picchiava fino a coprirla di lividi, l'usava come un giocattolo, un oggetto di piacere per sé e per i propri amici", raccontò la madre. Si susseguirono episodi drammatici e misteriosi: Nadia tentò il suicidio bevendo candeggina, fu ricoverata per una strana infezione, soffriva nel fisico e nell'anima. Ma i successi sportivi si ripetevano: dai Mondiali di Strasburgo (1978) e Fort Worth (1979) alle Olimpiadi di Mosca 1980, coronate da due ori (corpo libero e trave) e due argenti (individuale e a squadre).

Nel 1984 il ritiro dalle competizioni, poi anni di silenzio e oblio. Fino alla fuga a piedi in Ungheria, e di lì negli Stati Uniti, a fine novembre 1989, un mese prima del crollo del regime - che rivendicò di aver contribuito con il suo gesto ad accelerare - e della fucilazione di Ceausescu. Se la sentì di tornare in Romania solo nel novembre 1994, cinque anni dopo la caduta del comunismo: fu accolta come un'eroina, si esibì in un esercizio a corpo libero salutato da un'ovazione.

Ma la sua vera patria erano ormai gli Usa, che le concessero prima l'asilo politico poi la cittadinanza, e dove ritrovò un ex ginnasta della squadra americana a Montreal, Bart Connor. "Ci conoscemmo in gara nel 1976, avevamo in mano i nostri trofei, qualcuno ci fece delle foto. Bart si voltò e, pur essendo ancora un ragazzino poco più grande di me, mi diede un bacio", ricordò Nadia.

Il fuoco, evidentemente, covava sotto la cenere. I due ex atleti si sposano nell'aprile 1996, 20 anni dopo Montreal, in una Romania in festa. Prima il matrimonio con rito civile nel Circolo ufficiali di Bucarest, in abito di Armani; poi quello religioso, in un monastero ortodosso. E 30 anni dopo Montreal, dove tutto ebbe inizio, per Nadia, quasi 45enne, arriva la maternità ("Non l'abbiamo pianificato ma è una incredibile coincidenza"). Il piccolo Dylan Paul nasce il 4 giugno 2006, i giornali scrivono: "'Gli Usa hanno gia' una medaglia garantita alle Olimpiadi del 2024". Il cerchio si chiude. Auguri, Nadiezhda.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni