Percorso:ANSA.it > Photostory Primopiano > News
 A Livata soccorsi vincono corsa contro il tempo

di Lorenzo Attianese

Li abbiamo trovati sotto una cresta di roccia, probabilmente li avevano lasciati sopra e sono scivolati sotto. Erano abbracciati. Abbiamo pianto di felicita". Così Giuseppe Pelliccia, 67 anni, volontario del Centro radio-soccorso della Protezione civile di Subiaco, racconta il ritrovamento dei due bambini di 4 e 5 anni dispersi su Monte Livata. "E' stato un vero miracolo trovarli vivi perché hanno trascorso la notte con una temperatura scesa di diversi gradi sotto lo zero. Li abbiamo trovati in una zona davvero impervia ed è stato difficoltoso recuperarli'', ha raccontato uno degli uomini del Soccorso Alpino Lazio che ha partecipato alle ricerche. E' stata una corsa contro il tempo durata oltre diciassette ore, quella delle ricerche della donna di 36 anni e dei suoi due figli a Monte Livata. Una vicenda che ha visto impegnati in prima fila i carabinieri, protezione civile, corpo forestale, vigili del fuoco e soccorso alpino.

La segnalazione di scomparsa è avvenuta alle 16 di ieri, con la telefonata del compagno della donna alla Centrale Operativa della Compagnia dei carabinieri di Subiaco. Al suo rientro nel residence I Micetti, di ritorno dalle piste da sci, l'uomo non era più riuscito a rintracciare la moglie e i suoi due figli di 4 e 5 anni. Dopo la prima ora di ricerche era stato allertato il Raggruppamento elicotteri di Pratica di Mare, per perlustrare la zona ed alle 18 sono stati attivati anche i vigili del fuoco, dotati di attrezzature specifiche. Dalle 17 in poi è stata ininterrottamente tentata invano la localizzazione dell'utenza cellulare della donna, ma risultava sempre spenta. Il Nucleo Investigativo dei carabinieri del Gruppo di Frascati in seguito ha rilevato anche alcune informazioni ascoltando alcuni testimoni. Alle 4 circa è stata ritrovata la 36enne a Colle Crocione Rotondo, dai carabinieri e dal personale Soccorso. La donna, dopo aver percorso molta strada dal rifugio, ha riferito di aver lasciato i bambini in una zona ritenuta sicura ed al riparo dal freddo perché assonnati e non in grado di camminare. La 36enne si era allontanata per trovare una zona abitata e chiedere aiuto, poi è stata accompagnata al Pronto Soccorso dell'Ospedale di Subiaco. Dalle 7 di questa mattina il Centro Operativo della Guardia di Finanza di Civitavecchia ha reso disponibile anche un velivolo per le ricerche delle persone scomparse, con dispositivo ad infrarossi. Nella notte era stato contattato anche il centro cinofili dei Carabinieri di Firenze per l'invio di unità cinofile, specializzato per il ritrovamento di persone sulla neve. Il corpo Forestale dello Stato ha invece inviato un elicottero. Poi le ricerche, continuate ininterrottamente per tutta la notte, sono terminate con il ritrovamento dei due bambini in mattinata. Da lì i due sono stati trasportati in elicottero al policlinico Gemelli. Sono sani e salvi.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA