Percorso:ANSA.it > Photostory Primopiano > News
No global di fronte a Deauville, Ora basta

PARIGI - No-global e sindacati anti-G8 si sono dati appuntamento nel tardo pomeriggio di oggi sulla spiaggia di Le Havre, grande citta' portuale della Normandia, non lontano da Deauville, per protestare contro il vertice degli otto grandi leader mondiali, che considerano ''illegittimo''. Nel luogo dell'appuntamento, sono giunti circa duecento manifestanti, che hanno srotolato un immenso striscione con lo slogan 'Basta G8'', declinato in una trentina di lingue. Nonostante il vento forte, i militanti sono riusciti a mantenere aperto lo striscione, lungo ben 200 metri, appoggiandolo contro una diga, proprio di fronte al tratto di mare che separa Le Havre da Deauville, sull'estuario della Senna. Insomma, l'idea era che lo slogan potesse essere visto anche dall'altra parte del golfo, dove sono riuniti i leader delle otto grandi potenze. ''Per non essere stati ascoltati sabato scorso nella nostra manifestazione, abbiamo deciso oggi di lanciare un piccolo segnale ai capi di Stato da Le Havre'', ha detto Christian Pigeon, responsabile di Solidaires, portavoce del collettivo locale 'anti-G8'. Poco prima, nel pomeriggio, una decina di altri manifestanti hanno protestato davanti ad un'agenzia della banca BNP-Paribas per denunciare ''i legami'' tra l'istituto di credito e l'industria nucleare. Mentre questa mattina, a Parigi, un gruppo di militanti ha occupato i locali dell'agenzia di rating Standard and Poor's per protestare contro il summit di Deauville. I manifestanti, circa una trentina, hanno poi lasciato la sede dopo una ''trattativa con la polizia'', ha detto uno di loro. ''Pensiamo che Standard and Poor's sia uno dei piu' importanti simboli del capitalismo e dell'attuale sistema finanziario. Consideriamo che siano responsabili delle politiche di austerita'', ha aggiunto. Un collettivo di militanti anti-G8 aveva indetto una manifestazione in mattinata a Place de Stalingrad, sempre a Parigi, con l'intenzione di dirigersi poi verso l'agenzia di rating. Decine di poliziotti hanno pero' bloccato la loro marcia, evitando l'ingresso di molto manifestanti nella sede dell'agenzia. A Le Havre, i no-global avevano gia' organizzato un grande 'contro-vertice' lo scorso fine settimana, che ha visto sfilare in piazza tra le 4.000 e le 7.000 persone. La protesta e' stata seguita da un meeting, da un concerto e da forum tematici, mentre un villaggio 'autogestito' e' stato sistemato in un vecchio camping e rimarra' aperto fino al termine dei lavori di Deauville.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati