Percorso:ANSA.it > Photostory Primopiano > News
Cartello Idv alla Camera: 'Maroni assassino'

 ROMA  - Pierfelice Zazzera dell'Idv ha esposto nell'Aula della Camera un cartello con la scritta "Maroni assassino" non appena il ministro dell'Interno ha concluso la sua informativa sull'immigrazione. Il cartello gli è stato strappato dalle mani da Giancarlo Giorgetti della Lega.

Il ministro dell'Interno aveva appena terminato la sua informativa quando dai banchi dell'Idv Pierfelice Zazzera si è alzato sollevando con le braccia il cartello. Immediata la reazione dei deputati della Lega: Giancarlo Giorgetti, sorpassando i commessi, ha raggiunto Zazzera, gli ha preso il cartello e glielo ha strappato, mentre dai banchi di Lega e Pdl veniva urlato "Fuori, Fuori!" e "vergogna". Basiti davanti alla scena i deputati del Pd. Il presidente della Camera Gianfranco Fini ha ammonito Zazzera dicendogli che "del fatto si occuperà il collegio dei questori".

PD,CI DISSOCIAMO DA CARTELLO. DI PIETRO SI SCUSA 
- Antonio Di Pietro si scusa, Dario Franceschini si dissocia: Pierfelice Zazzera, deputato dell'Idv, rimane isolato dopo l'iniziativa di esporre nell'aula della Camera il cartello "Maroni assassino" mentre in aula il ministro svolge una informativa sull'immigrazione. E ora rischia anche sanzioni disciplinari. Il presidente dei deputati Pd, Dario Franceschini, è intervenuto in aula e si è "totalmente dissociato" dal cartello: "La lotta politica è lotta politica, ma noi esprimiamo la nostra totale dissociazione da quel cartello", ha detto fra gli applausi anche della maggioranza. Subito dopo, ha preso la parola Antonio Di Pietro: "Intendo chiedere scusa da parte del gruppo dell'Italia dei Valori", ha detto. Dell'esposizione del cartello, per eventuali sanzioni, il presidente della Camera Gianfranco Fini ha investito il collegio dei questori.