Percorso:ANSA.it > Photostory Primopiano > News

Photostory: L'Aquila, la zona rossa vista dai 'disegnatori metropolitani'

Caschetto, taccuino, matita e qualche colore per raccontare la città e i segni del terremoto

10 ottobre, 19:10
Disegnatori da tutta Italia raccontano il terremoto Disegnatori da tutta Italia raccontano il terremoto
Photostory: L'Aquila, la zona rossa vista dai 'disegnatori metropolitani'

(foto Lattanzio)
Caschetto, taccuino, matita e qualche colore per raccontare la città e i segni del terremoto. Si chiamano 'urban sketchers' - espressione che si traduce a fatica con disegnatori metropolitani - e sono arrivati all'Aquila da tutta Italia per descrivere con immagini il centro storico a 18 mesi dal sisma abruzzese. "Vogliamo raccontare L'Aquila - ha dichiarato Marco Preziosi, portavoce del progetto intitolato 'una carriola di disegni' - come nessuno ha ancora fatto, con matita e taccuino, disegnando dal vero e attraversando strade, piazze di questa città silenziosa ma non ancora ridotta al silenzio". Così, a gruppi di venti e accompagnati dai vigili del fuoco i disegnatori si sono fermati nelle aree tra le più caratteristiche del centro: Costa Masciarelli, San Marciano, Santa Maria Paganica e San Pietro. "L'ottanta per cento degli edifici residenziali del quartiere di San Pietro - ha spiegato ai partecipanti, Antonio Di Giandomenico, - dovrà essere abbattuto. Ci auguriamo che ci sia una legge che permetta a questa città di rinascere".