Percorso:ANSA.it > Photostory Curiosita' > News

Spiegel: 'Lupa capitolina e' falso'

Per settimanale, sarebbe opera medievale. Sovrintendenza Roma, integreremo didascalia

21 novembre, 19:30
La Lupa capitolina La Lupa capitolina
Spiegel: 'Lupa capitolina e' falso'

BERLINO - La Lupa capitolina, il simbolo di Roma, 'e' un'imitazione'. Lo scrive il settimanale tedesco Spiegel. "Il simbolo della città eterna dovrebbe avere 2500 anni. Questo è scritto nelle guide - scrive il settimanale - Ma non è così". L'opera sarebbe un'imitazione medioevale, forse di un maestro spagnolo. A rivelarlo, la tecnica di esecuzione. Dopo i primi dubbi emersi nel 2006, un esame del C14 dell'archeologo Edilberto Formigli conferma: non è originale. Secondo Spiegel il sito del museo Capitolino la mostra ancora come opera del 5 secolo a.C. "Ma negare tutto non aiuta", sentenzia Spiegel.

A beffare il mondo intero sarebbe stato un geniale 'maestro spagnolo'. La lupa originale invece - questo è il dubbio degli esperti - potrebbe essere finita fusa in una fornace già nel 1204, nel corso della quarta crociata. "Che delusione, e che vergogna", scrive Spiegel, rievocando le lodi elargite da centinaia di esperti e critici d'arte. Del resto "né Dante, né Theodor Mommsen si sono accorti dell'inganno". I primi dubbi sull'autenticità del bronzo erano stati sollevati già nel 2006 dalla studiosa Anna Maria Carruba. Che la Lupa non sia originale sarebbe chiaro a questo punto, per la tecnica di lavorazione: l'opera è stata realizzata infatti come pezzo unico. E non vi è traccia di saldature alla testa e alle gambe. Una tecnica che nell'Antichità non era ancora conosciuta. Sul presunto imitatore è però ancora mistero: potrebbe trattarsi di un maestro spagnolo. Alcune tracce conducono a Napoli, dove il talentuoso falsificatore potrebbe aver lavorato, appunto, nel Medioevo. Un'altra pista porta invece nel sud della Spagna. "Diamo la caccia a un fantasma", dice Stephan Lehmann, archeologo dell'università di Halle-Wittenberg, secondo il quale, comunque, il maestro spagnolo era di assoluto valore, "un grande talento". L'opera sarebbe stata commissionata dai conti di Tuscolo, potenta famiglia romana.

SOVRINTENDENZA, INTEGREREMO DIDASCALIA -  "Integreremo al più presto la didascalia posta sotto la Lupa Capitolina. Accanto alla datazione che la vuole realizzata al V secolo a.C. scriveremo anche che c'é anche l'ipotesi che l'opera risalga al Medioevo". Lo annuncia la Sovrintendenza capitolina in merito all'articolo apparso sul settimanale Der Spiegel

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati