Percorso:ANSA.it > Photostory Curiosita' > News

Roma: un muro in 'domopack', 'Premier vada a casa'

Performance inscenata davanti a Palazzo Chigi dai 'futuristi carbonari' FOTO

24 settembre, 21:36
Un 'muro trasparente' lungo 20 metri e alto quasi due, esposto sul marciapiedi tra via del Corso e piazza Colonna Un 'muro trasparente' lungo 20 metri e alto quasi due, esposto sul marciapiedi tra via del Corso e piazza Colonna
Roma: un muro in 'domopack', 'Premier vada a casa'

ROMA  - Un muro trasparente di 'domopack' con due sagome di cartone, che rappresentano ragazzi italiani, per "chiedere al premier di andare a casa". E' la performance inscenata davanti a Palazzo Chigi dall'artista futurista Graziano Cecchini, lo stesso che tempo fa colorò di rosso l'acqua della Fontana di Trevi. Sul 'muro trasparente', lungo 20 metri e alto quasi due ed esposto sul marciapiedi tra via del Corso e piazza Colonna, c'é la scritta "Non perdere, dimettiti", ma a questa alcuni passanti stanno aggiungendo, incollando sul nastro trasparente, dei bigliettini con le proprie scritte di protesta. "Questa performance - ha spiegato Cecchini - è in sostegno delle donne, ma anche perché è ora di dire basta. Se si deve dare ascolto ai mercati, questi ultimi impongono che il premier debba andare a casa".

A ROMA 'TRENO DELLE DONNE', 'PAPI VATTENE' 
- Hanno provato a circondare il Parlamento "in difesa della Carta Costituzionale". E' arrivato stamattina a Roma il "Treno delle donne per la Costituzione", iniziativa promossa da dieci associazioni femministe alla quale hanno aderito altri movimenti. Alcune manifestanti hanno provato a scavalcare le transenne per poter esprimere il proprio disappunto con un girotondo attorno alla colonna di Marco Aurelio ma sono state bloccate dalle forze dell'ordine. Rappresentanti del "Movimento donne futuriste" si sono fermate davanti all'installazione di Graziano Cecchini attaccando diversi post-it rivolti al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. "Brindiamo alla patonza", "Io maggiorata? Sì ma nella dignità" o "Papi vattene" sono alcuni dei messaggi inviati "virtualmente" al premier. Un'altra rappresentanza del "Treno delle donne" è stata ricevuta al Quirinale. Durante l'incontro le manifestanti hanno consegnato una lettera indirizzata al presidente della Repubblica.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati