Percorso:ANSA.it > Elezioni 2013 > News
Elezioni 2013

Boom di Grillo, film del voto

Le elezioni del 24-25 febbraio

28 febbraio, 21:36

Correlati

Speciali

Pier Luigi Bersani Pier Luigi Bersani
Boom di Grillo, film del voto

ROMA - "Ora tutti riflettano su cosa si può fare di utile per l'Italia; e la riflessione prenderà qualche tempo". Intervenendo a Canale 5 di prima mattina, Silvio Berlusconi prende tempo, non chiude al governissimo e allontana l'ipotesi di tornare subito alle urne: "Non credo sia utile in questa situazione". Esclude però l'accordo con Monti ("Non credo") e se la prende con Giannino: "Bastava che non ci fosse e avremmo vinto alla Camera". "Su Grillo - dice - è affluito lo scontento generato dallo spettacolo della politica, che negli ultimi mesi é stato il peggiore". Vendola chiude a ipotesi di larghe intese ("no a governissimo", twitta) e di voto anticipato. Poi apre ai 5 Stelle: "Grillo è il vero vincitore delle elezioni... Alleanza con Grillo unica possibilità". Anche Anna Finocchiaro del Pd boccia il governo di larghe intese, ma lancia una ipotesi che più tardi sarà ripresa da Bersani (e non bocciata da Grillo): "La coalizione che vince alla Camera si presenta anche al Senato con un governo che potrebbe essere definito 'di minoranza', sulla base di un programma immediato di riforme".

Grillo, parlando ai giornalisti davanti alla sua villa di Sant'Ilario, ribadisce il no ad alleanze, ma apre a collaborazioni su singoli provvedimenti: "Vedremo riforma per riforma, legge su legge. Se ci sono proposte che rientrano nel nostro programma, le valuteremo". Poi annuncia ai giornalisti che andrà lui alle consultazioni con Napolitano e gli dirà che il Movimento 5 Stelle non si allea con nessuno. Al Colle il leader M5S vedrebbe bene Dario Fo ("una cosa assurda ma bella", commenta il premio Nobel), ma il candidato del partito sarà scelto dagli iscritti con un voto online. Alle 17 un Pierluigi Bersani provato appare in conferenza stampa. Il segretario Pd respinge l'ipotesi di dimissioni ("Non abbandono la nave"), poi lancia la sua proposta: "Un programma essenziale da presentare al Parlamento per una riforma delle istituzioni, della politica, a partire dai costi e dalla moralità".

E' un segnale lanciato ai Cinque Stelle su possibili convergenze. Quanto a un'alleanza vera con i grillini, Bersani chiede che dicano chiaro "che cosa vogliono fare per questo paese". Grillo gli risponde poco dopo su La7: "Il modello Sicilia è meraviglioso". Alla Regione Sicilia, i grillini sono fuori dalla maggioranza di sinistra di Rosario Crocetta, ma hanno votato singoli provvedimenti. Il segretario del Pdl Angelino Alfano replica irritato alle avances implicite del Pd a M5S. "Non c'é nessuna porta da chiudere perché nessuno a Bersani ha chiesto di aprirla - dice -. Se vuole collaborare con i grillini, faccia pure. Vediamo dove porteranno il paese". In serata si fa sentire il presidente Napolitano, da Monaco di Baviera: "Io non sono chiamato a commentare i risultati elettorali - dice - sono chiamato ad attendere che ciascuna forza politica, in piena legittimità e autonomia, faccia le sue riflessioni, che poi mi verranno prospettate e solo allora trarrò le conclusioni".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

P.I. 00876481003 - © Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati