Percorso:ANSA > In Viaggio > News > Festival Collisioni, quando la grande musica incontra il vino

Festival Collisioni, quando la grande musica incontra il vino

Elton John e Jamiroquai per la Woodstock delle Langhe

07 luglio, 21:14
Castello di Grinzane Castello di Grinzane

TORINO - Quattro giorni di grande musica, arte e letteratura, in grado di attrarre decine di migliaia di persone, coinvolgendo un intero territorio, e di richiamare le maggiori star a livello internazionale in un piccolo centro nel cuore delle Langhe: e' il festival Collisioni, che da oggi e fino al 9 luglio invade il comune di Barolo.

Il ritorno di Sir Elton John dopo 40 anni di assenza dalla scena italiana, martedi' 9 luglio, e l'unica data nazionale del tour dei Jamiroquai, che celebrano sul palco un sodalizio ventennale, sono gli eventi piu' attesi nel ricco cartellone della kermesse. Fra le colline piemontesi arriveranno quest'anno anche Gianna Nannini, Elio e le Storie Tese, Fabri Fibra.

Il dialogo della musica con la letteratura e il cinema, nota distintiva della rassegna, portera' sotto il castello di Barolo e nelle piazze del comune cuneese anche il Premio Nobel per la letteratura Vidiadhar S. Naipaul, David Grossman, Roberto Saviano, Ian McEwan, Michael Chabon, David Sedaris, Giuseppe Tornatore, Ascanio Celestini, Luciana Littizzetto, Lilli Gruber, Giuliano Sangiorgi. La parte artistica del festival, che da' il titolo all'intera edizione, e' affidata alla mostra 'Creature selvagge', del collettivo piemontese Cracking Art.

Il territorio, candidato al Patrimonio dell'Umanita' dell'Unesco, e' un altro grande protagonista, con un concentrato di eccellenze enogastronomiche che ha pochi rivali al mondo. Padrone di casa e' il re dei vini, il Barolo, cui e' dedicato anche il museo WiMu, nelle sale del castello. Questo incantevole scenario ospitera' la novita' di quest'anno: una piazza dedicata al food, con tanti ospiti, da Edoardo Raspelli a Massimo Bottura, da James Suckling e Ian D'Agata, per parlare di cultura vinicola e gastronomica con i produttori locali.

La politica del festival, rimasta costante negli anni, e' un'offerta culturale di qualita' a prezzi popolari, per andare incontro innanzitutto al pubblico piu' giovane. Proprio per offrire un prestigioso palcoscenico anche ai musicisti della scena emergente, Collisioni porta avanti il suo Progetto Giovani: 300 artisti arrivati da tutta Italia, in particolare dall'Emilia Romagna, ospitati gratuitamente metteranno a disposizione, in cambio, la loro creativita' sui palchi off della kermesse.

''Per l'edizione 2013 di Collisioni c'e' una grandissima attesa. E' un evento unico nel suo genere - commentano Alberto Cirio e Michele Coppola, assessori al Turismo e alla Cultura della Regione Piemonte - non solo per la sua capacita' di attrarre artisti straordinari, ma anche per la trasversalita' del pubblico a cui riesce a rivolgersi e soprattutto per lo straordinario coinvolgimento di un intero territorio che contribuisce alla realizzazione di questa manifestazione''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA