Percorso:ANSA > In Viaggio > News > Italiani stacanovisti, lavorano in vacanza

Italiani stacanovisti, lavorano in vacanza

Due su tre rinunciano a parte delle ferie, il 58% controlla le e-mail anche in viaggio

26 ottobre, 13:44
Sei italiani su 10 controllano mail del lavoro anche in vacanza Sei italiani su 10 controllano mail del lavoro anche in vacanza

Sei italiani su dieci scaricano le e-mail di
lavoro durante le proprie vacanze, con quasi una metà 
(42%) che afferma di leggerle quasi tutti i giorni e un 11% che dichiara
addirittura di farlo costantemente. Il quadro dell'italiano stacanovista, che non si separa da cellulare e computer nemmeno in  ferie, emerge da un sondaggio condotto da TripAdvisor su diecimila viaggiatori europei.

In base ai dati, il 63% degli italiani rinuncia ogni anno a una parte delle ferie
a propria disposizione, una percentuale nettamente superiore alla media
europea del 43%. Sul versante opposto, i più vacanzieri sono gli
inglesi, il 69% dei quali usufruisce regolarmente di tutte le ferie. 
Seguono i francesi (61%), gli spagnoli e i tedeschi (entrambi al 60%).

Controllare le e-mail lavorative durante le vacanze è, per gli 
italiani, un modo per assicurarsi un rientro più soft in ufficio.
Il 46% dichiara infatti di farlo per ridurre il numero di e-mail che 
dovrà altrimenti leggere al suo rientro. C'è però 
anche un 30% che ama il proprio lavoro e sente il bisogno di essere sempre connesso,
un 19% che dice di riuscire a rilassarsi di più se sa cosa 
accade al lavoro e un 11% che ammette di essere ossessionato dalla dalla
routine lavorativa e di trovare difficoltà a staccare la spina. A
questi si aggiunge un 4% che confessa di controllare la posta 
elettronica in vacanza perché convinto che il proprio capo se lo 
aspetti.

Il lavoro durante le vacanze non passa solo dalle e-mail. L'85% degli italiani dichiara di fare o ricevere chiamate di lavoro anche in vacanza,
percentuale notevolmente superiore alla media europea (68%). I turisti 
nostrani coinvolti Italiani coinvolti in telefonate lavorative anche in 
vacanza sono il doppio rispetto ai viaggiatori inglesi (45%) e francesi 
(55%) e superano considerevolmente i tedeschi (77%) e gli spagnoli 
(70%).

Lavorare in vacanza, tuttavia, non sembra rappresentare una fonte di stress.
Il 70% dei viaggiatori europei sostiene infatti di godersi il proprio 
soggiorno pur dedicando qualche ora al lavoro e, tra i più 
convinti, figurano gli italiani col 78%. L'attività lavorativa 
durante le ferie non pare nemmeno dannosa per il rapporto  di 
coppia: solo il 4% degli italiani ammette di aver mentito al proprio 
partner per essersi dedicato al lavoro in vacanza.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati