Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Rinnovabili > Ecco la birra 'rinnovabile'

Ecco la birra 'rinnovabile'

Nel Pisano grazie a vapore geotermico

03 febbraio, 19:17
Le tre birre 'rinnovabili' Le tre birre 'rinnovabili'

A Castelnuovo Val di Cecina, piccolo centro geotermico, si produce una birra 'rinnovabile': la 'bionda' prodotta dallo stabilimento "Vapori di Birra" può fregiarsi dell'etichetta sulle nuove bottiglie che riportano la dicitura "Birra prodotta con processo totalmente rinnovabile grazie al vapore geotermico di Enel Green Power". Lo rende noto Enel. "Vapori di Birra" (www.vaporidibirra.it) nasce a Sasso Pisano nel Comune di Castelnuovo Val di Cecina, in una struttura adiacente alla Chiesetta del Michelucci e alle manifestazioni naturali da dove parte il sentiero "Geotermia & Vapore" che, lungo un percorso di trekking geotermico di circa 4 km, conduce al Parco delle Biancane di Monterotondo Marittimo.

"Cibo, natura e territorio - spiega Enel - sono i tratti principali dell'impegno di Enel Green Power nelle aree geotermiche dove, oltre alla produzione di elettricità da fonte rinnovabile, l'azienda collabora con istituzioni locali, Consorzio sviluppo aree geotermiche e tessuto associativo per iniziative di promozione culturale e turistica. Il birrificio geotermico fa parte della Comunità del Cibo a Energie Rinnovabili del Cosvig che conta numerose aziende agricole locali: dalle serre di basilico e fiori ai caseifici, dalla stagionatura dei salumi agli allevamenti, queste realtà utilizzano le peculiarità del calore reso disponibile dal vapore geotermico per ottenere produzioni di assoluta qualità che si sono guadagnate anche l'accesso a Expo 2015 tra le dieci buone pratiche selezionate dalla Toscana".

Lo stabilimento produce tre diverse birre con nomi dai quali si intuisce l'inscindibile legame con la geotermia: "Magma", una rossa ambrata doppio malto, "Geyser", con 100% malto d'orzo e "Sulfurea", una weiss di frumento con schiuma bianca e compatta.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA