Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Rinnovabili > Un tris per produrre energia

Un tris per produrre energia

Usando biomasse ed energia solare con un motore ad aria

02 aprile, 18:50
Un tris per produrre energia Un tris per produrre energia

È il primo sistema che si propone di produrre elettricità ed energia termica usando esclusivamente biomasse ed energia solare concentrata, per mezzo di un motore ad aria: è italiano, si chiama Megaris (Micro Electric Generator from Alternative Renewable energy Innovative Stirling engine) ed è realizzato da università del Sannio, Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e società Aerosoft.

Il sistema è capace di auto sostenersi (perché auto-genera energia elettrica) ed è stato appena messo a punto un prototipo pensato per un piccolo condominio di quattro appartamenti ma scalabile anche per edifici più grandi. Ora si sta lavorando a sviluppare il progetto per immettere il prodotto sul mercato. Nell'ambito della produzione di energia elettrica e termica, ovvero della cogenerazione ''è il primo progetto – spiega Gaetano Continillo, responsabile del progetto per l'università del Sannio - che unisce tre elementi: un combustore a letto fluido per le biomasse (costituito da sabbia sospesa da un flusso d'aria che ha la funzione di immagazzinare calore e distribuirlo al sistema), uno specchio parabolico per concentrare l'energia solare e un motore ad aria Stirling che genera energia dallo scambio termico''.

In realtà lo specchio parabolico nel prototipo ancora non è stato realizzato perché il finanziamento non lo prevedeva ma è stato progettato. La possibilità di funzionare in modo autonomo e continuo rende tale sistema adatto sia all'impiego in zone rurali, dove la biomassa è disponibile in quantità e a basso costo, sia in aree urbane, dove l'apporto solare consente di ridurre il consumo di biomassa. Il progetto, al quale hanno lavorato 25 persone, metà delle quali studenti, ricercatori e borsisti dell'università del Sannio e dell'Istituto di Ricerche sulla Combustione del Cnr, ha un valore di un milione di euro cofinanziati al 50% dal Ministero dell'Ambiente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA