Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Rinnovabili > Rapporto Wwf, al 2050 mondo a rinnovabili, no nucleare

Rapporto Wwf, al 2050 mondo a rinnovabili, no nucleare

Benifici bilanceranno investimenti; -80% emissioni CO2

03 febbraio, 10:03
Rapporto Wwf, al 2050 mondo a rinnovabili, no nucleare Rapporto Wwf, al 2050 mondo a rinnovabili, no nucleare

Entro il 2050 "tutte le esigenze mondiali di energia potrebbero essere alimentate in modo pulito, rinnovabile ed economico" con gli investimenti bilanciati dai benefici, un risparmio di 4 trilioni di euro l'anno (solo grazie a un minore costo dell'energia) e una riduzione di emissioni di CO2 dell'80%.

Questa la fotografia scattata dal nuovo rapporto del Wwf che contiene due anni di lavoro l' 'Energy Report' dove viene affrontato in una visione globale il problema del bisogno di energia, inclusi i trasporti, e il modo di renderla adeguata, sicura e disponibile a tutti. Nel rapporto c'é il secco no al nucleare "un'alternativa estremamente costosa", dice il rapporto che solleva il problema delle scorie.

Secondo lo scenario Wwf-Ecofys, nel 2050 la richiesta totale di energia sarà minore del 15% di quella del 2005, malgrado l' aumento della popolazione, della produzione industriale, del trasporto e delle comunicazioni - rendendola disponibile anche a coloro che attualmente non ne hanno (1,4 miliardi di persone attualmente non hanno accesso a forniture affidabili di elettricità).

"Se continuiamo a dipendere dai combustibili fossili ci troveremo davanti ad un futuro di timori crescenti per il costo dell'energia, la sicurezza dei rifornimenti e gli impatti dovuti ai cambiamenti climatici", ha detto Stefano Leoni, presidente del Wwf Italia sottolineando che "il rapporto è più che uno scenario, è un richiamo all'azione". Il Rapporto del Wwf giunge alla vigilia del Consiglio Europeo dedicato all'Energia e all'Innovazione.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati