Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Nucleare > Nucleare: Veronesi, non ha senso smantellare l'Agenzia

Nucleare: Veronesi, non ha senso smantellare l'Agenzia

Faremo le pulci alle altre nazioni Ue

23 giugno, 15:22
Umberto Veronesi in una foto d'archivio. Umberto Veronesi in una foto d'archivio.

MILANO - Che fine fara' l'Agenzia per la sicurezza sul nucleare dopo i risultati del referendum del 12 e 13 giugno scorso? ''E' una domanda che mi faccio anche io''. Ma smantellarla non avrebbe senso, perche' ora l'Italia ha l'opportunita' di fare ''le pulci alle altre nazioni dell'Unione europea che hanno centrali''. A dirlo e' il presidente dell'Agenzia Umberto Veronesi, a margine di una conferenza per presentare la sua iniziativa 'The future of science'.

''Io non ho nessuna voglia di dimettermi'', ha detto ancora Veronesi. ''Mi hanno fatto notare che l'Europa valuta la sicurezza nucleare in termini globali; non e' che noi, finche' non abbiamo centrali, siamo piu' sicuri di chi abita a Lugano, dove invece le centrali ci sono''.

''In futuro - ha proseguito Veronesi - ci sara' una valutazione della sicurezza a livello collettivo e allora io, italiano che non ha centrali, mi devo preoccupare che i test che si fanno ad esempio sulle centrali francesi siano adeguati, e metterci il naso. Quindi l'agenzia italiana sarebbe come quella austriaca, una fortissima agenzia che nell'Ue e' quella piu' attiva nel rilevare le mancanze''.

Questo, prosegue Veronesi, perche' ''chi ha una grande quantita' di centrali le difende, ed e' un pochino deviato nella sua obiettivita'. Il vantaggio di non avere centrali, se si puo' considerare tale - conclude - e' quello se non altro di non avere interessi da difendere; saremmo piu' indipendenti e quindi piu' efficaci nella ricerca della sicurezza. Faremo le pulci alle altre Nazioni''.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati