Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Natura > Tartaruga di mare salva grazie a becco stampato in 3D

Tartaruga di mare salva grazie a becco stampato in 3D

Dopo incidente con elica, fauci sostituite con protesi titanio

18 maggio, 17:03
Protesi stampata in 3D per tartaruga (Foto: BTech Innovation/Facebook) Protesi stampata in 3D per tartaruga (Foto: BTech Innovation/Facebook)

Ha un becco nuovo di zecca ottenuto da stampante 3D e se non ci saranno complicazioni potrà presto tornare a nuotare in oceano aperto: la protagonista è una tartaruga marina Caretta Caretta salvata da un centro di ricerca turco dopo un incidente con l'elica di una barca.


La tartaruga - un esemplare di 45 chilogrammi - ha ottenuto delle fauci nuove grazie a una protesi in titanio su misura stampata in 3D dopo che più della metà della sua mandibola le era stata recisa in seguito all'impatto con un'imbarcazione. La mandibola artificiale è stata realizzata sfruttando scansioni dettagliate della testa dell'animale ferito e "stampata" dalla società turca BTech Innovation, contattata dal Research, Rescue and Rehabilitation centre dell'Università di Pamukkale a Denizli che ha accolto l'animale ferito. 

 


Akut-3, questo il nome della tartaruga, è attualmente in convalescenza al centro di recupero ed è monitorata per far sì che si adatti alla nuova mandibola di metallo. Se non la "rigetterà", sarà a breve restituita al mare.


Non è la prima volta che la tecnologia della stampa 3D viene in aiuto di animali feriti: a marzo a Denver una tartaruga aveva ricevuto un guscio nuovo di zecca grazie all'Università del Colorado.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA