Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Natura > Margherita Hack contro la caccia alla volpe

Margherita Hack contro la caccia alla volpe

Lettera a Provincia Siena, tra 25 sottoscrittori Susanna Tamaro e Red Canzian

26 marzo, 18:23
(Archivio) (Archivio)

FIRENZE - Ci sono l'astrofisica Margherita Hack, la scrittrice Susanna Tamaro e il cantante Red Canzian tra i firmatari di una lettera appello intitolata 'Fermate la caccia alla volpe in tana: e' crudele e sbagliata', diretta alla Provincia di Siena e promossa dalla redazione di 'Restiamo animali', trasmissione settimanale in onda in Toscana su Controradio. La lettera invita la giunta provinciale a sospendere la sua decisione di consentire la caccia alla volpe in tana a partire dal primo aprile.

E' stata sottoscritta da 25 primi firmatari - tra cui il biologo Gianni Tamino, il filosofo Luigi Lombardi Vallauri, lo chef Simone Salvini, la conduttrice tv Paola Maugeri, il Garante dei diritti animali del Comune di Milano Valerio Pocar, l'eurodeputato Andrea Zanoni. La lettera contiene sia motivazioni etiche e civili (''Il cammino della civilta' continua il suo corso e include sempre di piu' gli animali non umani fra i soggetti portatori di diritti'') sia motivazioni tecniche e scientifiche, grazie alla consulenza offerta da alcuni esperti. Si mette in dubbio che le volpi siano davvero in soprannumero (come sono state censite? con quali metodi?), si fa notare che l'Ispra aveva raccomandato metodi non cruenti e che in qualsiasi caso le operazioni si svolgessero da agosto a gennaio per non nuocere a cuccioli e madri, mentre adesso siamo nel pieno dell'allattamento dei cuccioli. Si fa infine notare come siano proprio i ripopolamenti collegati alla caccia a interferire con l'equilibrio ecologico (anche questo aspetto era indicato nel parere fornito dall'Ispra alla Provincia di Siena).

I firmatari sospettano che ''il reale obiettivo'' dell'autorizzazione della caccia alla volpe in tana, ''sia quello di prolungare il diletto dei cacciatori per qualche mese ancora, a spese di una specie inerme'' e invitano la giunta provinciale a compiere ''un gesto umano e nobile'', che avrebbe ''pubblico apprezzamento''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA