Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Natura > Di Caprio con il Wwf contro furto natura

Di Caprio con il Wwf contro furto natura

Campagna 'Hands off my parts' per stop commercio illegale

18 febbraio, 17:55
Leonardo Di Caprio con il Wwf contro traffico illegale fauna selvatica Leonardo Di Caprio con il Wwf contro traffico illegale fauna selvatica

ROMA - Leonardo Di Caprio si unisce al Wwf per fermare il traffico di natura. L'attore statunitense, che e' anche consigliere del Wwf Usa, lancia oggi 'Hands off my parts' - Giu' le mani dalle parti del mio corpo', l'iniziativa che cerca di sensibilizzare e mobilitare l'opinione pubblica per porre fine al commercio illegale di fauna selvatica.

I crimini contro la natura ''hanno raggiunto livelli mai visti prima: rinoceronti, tigri ed elefanti vengono uccisi a tassi allarmanti e tutto cio' solo per le loro pelli, ossa, zanne, corna e altre parti''. Per gli elefanti, particolarmente 'ambiti' per il loro avorio, ''la Thailandia e' oggi il nodo cruciale del piu' grande mercato d'avorio non regolamentato del mondo, sfruttando una scappatoia legale che permette la vendita di avorio proveniente dagli elefanti indiani della popolazione della Thailandia, i criminali riescono a vendere enormi quantita' di avorio africano illegale accanto all'avorio 'legalmente' proveniente dal paese''.

Con l'iniziativa 'Hands off my parts' e' possibile firmare la petizione Wwf in corso che vuole raggiungere un milione di firme entro il 14 marzo per chiedere al Primo Ministro thailandese Yingluck Shinawatra di vietare ogni forma di commercio di avorio in Thailandia. E Di Caprio ha chiesto, inviando una mail, ad altre celebrita' di partecipare alla campagna: ''Il commercio illegale di specie selvatiche e' la minaccia piu' urgente - dice l'attore - Intere popolazioni rischiano di essere spazzate via se non si prendono provvedimenti immediati. Per questo invitiamo il governo thailandese alla conservazione degli elefanti fermando il mercato dell'avorio prima che il Paese ospiti il summit di 177 nazioni sul commercio di specie selvatiche del prossimo mese di marzo''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA