Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Natura > Ispra, consumo suolo +8 mq al secondo

Ispra, consumo suolo +8 mq al secondo

Ogni 5 mesi persa area come Napoli, via 340 mq a testa all'anno

06 febbraio, 11:50
Ispra, consumo suolo cresce a ritmo 8 mq al secondo Ispra, consumo suolo cresce a ritmo 8 mq al secondo

ROMA - Il consumo di suolo in Italia e' cresciuto, negli ultimi cinque anni, al ritmo di oltre 8 metri quadrati al secondo, pari al 6,9% del territorio nel 2010. Questo significa che per ogni italiano sono andati persi piu' di 340 mq all'anno. E' quanto emerge da uno studio dell'Istituto superiore per la ricerca e la protezione ambientale (Ispra) sull'andamento del consumo di suolo dal 1956 al 2010.

Ogni 5 mesi, dice l'Ispra, viene cementificata una superficie pari a quella del comune di Napoli, mentre il suolo che se ne va ogni anno e' pari all'estensione dei comuni di Milano e Firenze messi insieme.

Negli anni '90 l'incremento ha sfiorato i 10 mq al secondo, e comunque il consumo di suolo per oltre 50 anni nel nostro Paese - afferma l'Ispra, e' sempre stato sopra la media europea (2,3%): gia' nel 1956 veniva 'inghiottito' il 2,8%, per 8.000 kmq (170 mq per abitante); nel 2010 si e' arrivati a oltre 20.500 kmq. La classifica delle regioni nel 2010 vede in testa la Lombardia che supera la soglia del 10%, con 14 regioni oltre il 5%.

Per il presidente dell'Ispra, Bernardo De Bernadinis, bisognerebbe trovare ''un equilibrio tra il consumo di suolo, lo sviluppo delle citta' e il rapporto tra la campagna e l'area urbana''. Il sottosegretario alle Politiche agricole, Franco Braga, osserva che ''ridisegnare il quadro della gestione del suolo e' un problema non piu' rinviabile per l'Italia''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA