Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Istituzioni e UE > Stop grandi navi a San Marco e Canale Giudecca

Stop grandi navi a San Marco e Canale Giudecca

Comitato interministeriale, ora Via su canale Contorta-Sant'Angelo

08 agosto, 20:26
Mappa dei canali di Venezia in una rappresentazione grafica Mappa dei canali di Venezia in una rappresentazione grafica

Stop alle navi oltre 40mila tonnellate nel bacino San Marco e nel canale della Giudecca a Venezia. Così il presidente della Regione Veneto Luca Zaia in un tweet durante la riunione del Comitato Interministeriale per la salvaguardia di Venezia e della sua laguna a Roma . ''C'è stata una decisione unanime - ha spiegato Zaia in un video allegato al tweet - quella di avviare da subito il canale della Cortorta Sant'Angelo alla Valutazione di impatto ambientale (Via), di valutare eventualmente altri progetti e soprattutto l'unanimità di far uscire le grandi navi da San Marco e dalla Giudecca. I tempi sono quelli della burocrazia, spero che si faccia velocemente''. L'applicazione del decreto Clini-Passera, aggiunge Zaia, "è comunque un obiettivo da raggiungere: tutte le grandi navi sopra le 40 mila tonnellate dovranno stare fuori dal bacino di San Marco e dal Canale della Giudecca. La tempistica però la detta la procedura. Io spero che si faccia velocemente e anche per questo è fondamentale andare subito alla valutazione di impatto ambientale". 

"Le grandi navi a Venezia devono essere compatibili con la salvaguardia dell'Ambiente e con la tutela del patrimonio artistico di quella meravigliosa città" ha affermato il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti spiegando che ''sottoporremo il programma 'Contorta' a una serissima Valutazione d'Impatto Ambientale che dal punto di vista scientifico dovrà dirci quali effetti positivi o negativi possano esserci sull'ecosistema. Non escludiamo di poter sottoporre ad uguale e rigorosa valutazione anche altri progetti che dovessero arrivare. Il nostro obiettivo è la tutela dell'Ambiente senza la compromissione dell'economia".

"Oggi abbiamo fatto un significativo passo avanti sulla vicenda grandi navi a Venezia: il Comitatone ha dato il via libera alla valutazione di impatto ambientale, da redigere entro 90 giorni, al progetto che prevede di poter raggiungere la Stazione Marittima di Venezia attraverso il canale Contorta-Sant'Angelo" ha detto dopo la riunione il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi, presente assieme ai ministri Dario Franceschini (Beni e attività culturali) e Gian Luca Galletti (Ambiente), al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio, al vicesindaco di Mira Roberto Crivellaro, Roberto Daniele, Presidente Magistrato alle Acque, Paolo Costa, presidente dell'Autorità Portuale di Venezia, Giuseppe Casson, sindaco di Chioggia, Vittorio Zappalorto e Marco Agostini (rispettivamente commissario e direttore generale del Comune di Venezia), Otello Bergamo, assessore del Comune di Jesolo, e Claudio Orazio, Sindaco di Cavallino Treporti. "Questo non esclude a priori - spiega il ministro Lupi - che la stessa procedura possa essere fatta per altri progetti, ma al momento si è valutata la via del Contorta come la più praticabile in tempi brevi". "Con questa decisione - conclude Lupi - torna in vigore l'ordinanza per cui nel 2014 e nel 2015 nessuna grande nave al di sopra delle 96.000 tonnellate potrà passare nel bacino di San Marco e nel canale della Giudecca. Mi sembra una soluzione equilibrata, che tiene conto sia del dovere di togliere i grattacieli del mare dai canali di Venezia, salvaguardando così una città patrimonio dell'umanità che il mondo ci invidia e salvaguardando anche la vita economica di questa stessa città, molto legata al turismo crocieristico". "Non vogliamo allontanare dall'Italia" le navi da crociera ha affermato Lupi.

"Il solo progetto capace di allontanare le navi da San Marco mantenendo l'eccellenza crocieristica veneziana e' il canale Contorta-Sant'Angelo su cui si avvia da domani la procedura di Via, immaginando poi di poterlo realizzare in 18 mesi" spiega il presidente dell'Autorità portuale di Venezia Paolo Costa al termine del Comitatone. "Mi pare che la riunione e' andata bene anche perche' a lungo preparata, seguita con molta professionalita' dalla presidenza del consiglio - commenta Costa - Riafferma la centralità dell'economia crocieristica veneziana per l'economia italiana e in questo la centralita' della Stazione Marittima non sostituibile a breve periodo". Per il presidente dell'Autorità portuale di Venezia "nel lungo periodo è possibile mettere mano alla revisione del piano regolatore portuale per verificare se sia possibile, in uno scenario post offshore petrolifero e di container, se il canale Malamocco Marghera sara' in grado di sostenere anche navi da crociera. Se sì, si potrà immaginare una stazione passeggeri marittima a Marghera. O in alternativa se, rivedendo il piano regolatore comunale di Cavallino Treporti o di Venezia per il Lido, sia possibile risolvere i problemi di accessibilità da terra di una nuova stazione marittima passeggeri alle bocche di porto".

Il terzo punto affrontato dal Comitatone, riferisce ancora Costa, è che si constata che il solo progetto capace di allontanare le navi da San Marco mantenendo l'eccellenza crocieristica veneziana e' il canale Contorta Sant'Angelo sul cui progetto si avvia da domani la procedura di via, immaginando poi di poterlo realizzare in 18 mesi. Il piano - puntualizza - e' oggi in una versione che si occupa anche del recupero morfologico della laguna centrale". Il quarto punto, come previsto dalla legge sull'impatto ambientale, conclude Costa, prevede che "qualora altre ipotesi progettuali raggiungessero il livello di accettabilità funzionale da parte dell'Autorità portuale e marittima verrebbero anch'esse sottoposte a via. Da ultimo, su richiesta del ministro Franceschini, il governo tradurra' in norme l'accordo volontario con le compagnie di navigazione per il rispetto dei limiti al traffico davanti a San Marco per il 2014 e il 2015 previsti dall'ordinanza della Capitaneria di porto che il Tar ha sospeso e che oggi sono applicati in via solo volontaria".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA