Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Istituzioni e UE > Obama taglia 30% emissioni entro il 2030

Obama taglia 30% emissioni entro il 2030

Decreto bypassa Congresso e rilancia leadership 'verde' Usa

02 giugno, 23:32

Le centrali elettriche americane dovranno ridurre le loro emissioni di gas inquinanti del 30% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2005. Lo ha stabilito per decreto l'amministrazione Obama, che su questo tema così delicato di fatto ha scavalcato il Congresso e quindi il dissenso repubblicano. Una decisione con cui il presidente punta a rilanciare la leadership americana nella lotta all'effetto serra e quindi al cambiamento climatico.

Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, plaude all'iniziativa. In una nota lo ha definito "un passo significativo verso la riduzione delle emissioni globali di gas serra, che stanno minacciando la salute umana, la crescita economica sostenibile e lo sviluppo". Il leader del Palazzo di Vetro ha quindi invitato tutti i Paesi membri delle Nazioni Unite ad accelerare i propri sforzi per ridurre le emissioni, e ha chiesto ai leader mondiali di sfruttare l'opportunita' unica rappresentata dal vertice sul clima che si terra' a settembre a New York per affrontare il cambiamento climatico

Per il Commissario europeo per l'Ambiente, Connie Hedegaard, il decreto dell'amministrazione Obama è "una buona notizia" che "dimostra che gli Usa prendono seriamente il cambio climatico" ma, in vista della Conferenza di Parigi che indicherà la via per restare al di sotto dell'aumento di 2 gradi della temperatura media globale, "tutti i paesi, inclusi gli Stati Uniti, devono fare di più". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA