Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Istituzioni e UE > Ilva: Potocnik, possibile task force in aiuto Italia

Ilva: Potocnik, possibile task force in aiuto Italia

Strumento utilizzabile se Stato membro lo ritiene utile

26 settembre, 19:09
Un'immagine dello stabilimento Ilva a Taranto Un'immagine dello stabilimento Ilva a Taranto

BRUXELLES - "Uno degli strumenti che abbiamo proposto è l'accordo di partnership. E può essere attuato se uno Stato membro, per un'area specifica, ritiene utile che guardiamo assieme alla questione perché c'è una sorta di problema sistemico, per cercare assieme le risposte basate sulle migliori pratiche in Ue, sulle quali noi abbiamo una visione migliore rispetto ad un singolo stato membro. Questa è una delle possibilità". Così il commissario all'Ambiente Janez Potocnik in una conferenza stampa, rispondendo sulla possibilità di inviare una task force in Italia per aiutare a risolvere i suoi problemi in campo ambientale.

Alla domanda riguardo a possibili pressioni per ritardare l'apertura di infrazione sull'Ilva, il commissario ha risposto: "A me non importa di queste cose. Prendo le mie decisioni basandole completamente sui fatti e sulle indicazioni che mi arrivano dagli esperti. Abbiamo un team serio di esperti, che hanno un vasto campo di conoscenza orizzontale che hanno sviluppato negli anni. Non ci importa quale Paese sia, quale settore, noi siamo obbligati a svolgere il ruolo dei guardiani del trattato e questo è quello che facciamo".

"Ogni volta che apriamo una procedura di infrazione non sono contento - ha detto Potocnik -. Perchè questo significa che sarà necessario fare ancora del lavoro. E quando lo facciamo, lo facciamo con un solo obiettivo, quello di migliorare la situazione. Non vogliamo creare problemi ai Paesi, al contrario, vogliamo aiutarli a trattare la situazione. Noi siamo 'strettamente utili e utilmente rigorosi'".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA