Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Istituzioni e UE > Trivellazioni Tremiti: Clini, se c'e' petrolio decideremo

Trivellazioni Tremiti: Clini, se c'e' petrolio decideremo

Regione Puglia si oppone; Legambiente,a rischio 30.000 kmq mare

01 settembre, 00:39

(Di Tommaso Tetro)

ROMA - Sfruttare o no l'eventuale petrolio che potrebbe essere in fondo all'Adriatico e' una decisione che va presa dopo aver valutato vantaggi e svantaggi. Insomma, ''vediamo se ne vale la pena e poi decideremo''. E' chiaro il pensiero del ministro dell'Ambiente Corrado Clini sulle prospezioni petrolifere da parte della Petrolceltic al largo delle isole Tremiti.

Contraria alla decisione la regione Puglia. Con l'assessore all'Ambiente, Lorenzo Nicastro, ha fatto sapere di voler ricorrere ''contro i pareri dei ministeri''. Anche gli ambientalisti, che parlano di ''follia'', si oppongono; Legambiente mette in guardia sul rischio rappresentato da altre ''70 trivelle'' che potrebbero essere autorizzate e che coprirebbero ''30.000 chilometri quadrati dei nostri mari, una regione grande come la Sardegna''.

Clini spiega pero' che il via libera giunto a maggio da parte del suo dicastero e da quello dei Beni culturali, riguarda soltanto la fase che precede le esplorazioni, quella che serve per capire ''cosa c'e' nel sottosuolo''; e che l'autorizzazione finale spetta al ministero dello Sviluppo economico. ''Abbiamo semplicemente applicato la legge vigente - osserva il ministro - Anche le amministrazioni locali devono avere consapevolezza del contesto in cui ci si muove; non vince chi strilla di piu'''.

Inoltre, da Clini viene offerta un'analisi della situazione piu' ampia: ''Sull'uso energetico del mare Adriatico e' opportuna una valutazione comune, da Trieste a Otranto, coinvolgendo anche Slovenia e Croazia''.

Intanto il presidente del parco nazionale del Gargano, Stefano Pecorella, ha convocato per il 4 settembre i 18 sindaci dell'area protetta per discutere delle prospezioni (che comunque sono al di fuori dei limiti interdetti); un incontro a cui e' stato invitato anche il governatore della Puglia Nichi Vendola.

Mentre due giorni dopo, il 6 settembre, sara' la volta dei sindaci. E' infatti previsto un incontro a Termoli a cui saranno invitati a partecipare tutti i comuni costieri di Molise, Abruzzo e Puglia, per organizzare ''una nuova grande manifestazione come quella dello scorso anno, cui partecipo' anche Lucio Dalla''. Alle proteste di sindaci e istituzioni locali si uniscono quelle di Legambiente che, in un recente report, ricorda come ''le ultime stime del ministero dello Sviluppo economico'' parlino della ''presenza nei fondali marini di solo 10,3 milioni di tonnellate di petrolio'' e che ''ai consumi attuali sarebbero sufficienti per il fabbisogno nazionale per appena 7 settimane''. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA