Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Dossier > DL del Fare, le semplificazioni ambientali

DL del Fare, le semplificazioni ambientali

Ecco le misure per le imprese

18 giugno, 19:11
(Archivio) (Archivio)

Per favorire la ripresa del settore produttivo e s recare risparmi alle aziende, in termini di minore burocrazia, del valore di circa otto miliardi di euro, nel maxi decreto del Fare sono approdate alcune delle semplificazioni annunciate nel disegno di legge semplificazioni. Ecco, in breve, quelle che interessano il settore edilizio e quello delle autorizzazioni ambientali.

Gestione delle acque sotterranee
Le nuove disposizioni di semplificazione in materia di gestione delle acque di falda sotterranee estratte per fini di bonifica o messa in sicurezza dei siti contaminati riducono gli oneri a carico degli operatori interessati e accelerano le procedure amministrative relative agli interventi.

Terre e rocce di scavo Le disposizioni in materia di terre e rocce da scavo sono volte a semplificarne l’utilizzo e il reimpiego, chiarendo i casi in cui e’ necessario il ricorso alle procedure fissate dal DM n. 161/2012, che stabilisce i criteri qualitativi che questi residui devono soddisfare per essere considerate sottoprodotti e non rifiuti.

Materiali di riporto
Piu’ agile anche la disciplina dei materiali da riporto regolate dall’ex Dl 2/2012, convertito dalla legge 28/2012. Le nuove norme chiariscono la definizione delle matrici materiali di riporto, specificandone la composizione, e prevedendo test di cessione perché possano essere considerate sottoprodotti o rimosse dal luogo di scavo.

Interventi di adeguamento del sistema dei rifiuti nella Regione Campania
E’ allo studio uno strumento per l’accelerazione delle procedure di competenza degli Enti locali per la realizzazione e l’avvio della gestione degli impianti di gestione dei rifiuti nella Regione Campania, anche al fine di evitare una possibile condanna dell’Italia nella procedura di infrazione 2007/2195. E’ previsto il ricorso alla nomina di commissari nominati dal Ministro dell’Ambiente che effettuino gli interventi necessari in caso di inadempienza degli enti competenti in via ordinaria.

Semplificazioni in materia di edilizia
Sono previste misure di semplificazione e incentivazione del recupero e delle ristrutturazioni degli edifici nel contesto urbano. Per limitare le lungaggini burocratiche, l’interessato che abbia bisogno della segnalazione di Inizio Attivita’ può rivolgersi allo Sportello Unico per all’acquisizione di tutti gli atti di assenso necessari all’intervento edilizio. E il certificato di agibilita’ potra’ essere richiesto anche per singoli edifici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA