Elezioni Amministrative 2012

Maroni, indagini su Bossi non hanno aiutato

21 maggio, 20:31
Roberto Maroni
Roberto Maroni
Maroni, indagini su Bossi non hanno aiutato

di Teodoro Fulgione

ROMA - Sette sconfitte su sette ai ballottaggi: per la Lega Nord è un tracollo inatteso che riaccende lo scontro interno. Roberto Maroni dà la colpa della debacle agli scandali della famiglia Bossi; mente Umberto, determinato a non mollare il 'suo' partito, per il momento tace. Il Carroccio va ko a Palazzolo, Tradate, Senago, Thiene e San Giovanni Lupatoto. E' un elenco di piccoli comuni sconosciuti ai più, non ai leghisti che accusano il colpo. Ma i 'lumbard' perdono anche Cantù, dove anche un big, Nicola Molteni, deve arrendersi ad una lista civica. E non c'é nulla da fare neanche a Meda, anche se qui la sconfitta arriva per un solo voto. E' un bollettino durissimo. Spetta a Matteo Salvini il compito di commentare in tv, per primo, a nome del Carroccio i risultati. Dal suo volto traspare l'amarezza e la sorpresa: "E' stata la campagna elettorale più difficile e complicata di sempre per gli errori di qualcuno - spiega - Ma ripartiamo dai 380 sindaci della Lega che partecipano alla nostra fase nuova". Dopo pochi minuti, Maroni fa il punto. E' un'analisi precisa. I ballottaggi "non sono stati positivi", ammette l'ex ministro per il quale "la notizia dell'avviso di garanzia a Bossi e ai suoi figli non ha aiutato, anzi ha determinato un ulteriore allontanamento dalla Lega". Insomma, "paghette e lauree - dice - hanno fatto giustamente arrabbiare gli elettori".

Maroni riconosce la "sconfitta" e ricorre ad una metafora biblica per spiegare il momento: "Si conclude la nostra traversata nel deserto - spiega - Con i congressi si apre una fase nuova che ci vedrà nuovamente protagonisti" con "un ricambio generazionale forte ai vertici e un rinnovamento profondo". Ora deve convincere del percorso anche Bossi. Il popolo eletto, quando lasciò il deserto, aveva alla guida Mosé che passò il suo comando a Giosué. In questo caso, però, Bossi appare abbastanza restio a lasciare le redini a Maroni.

"Non è assolutamente vero che ho intenzione di lasciare. Lo farò soltanto quando la Padania trionferà ", ha detto sabato il senatur. Il 'capo' sembra essersi messo all'opposizione interna, in disparte, pronto a fare le pulci al nuovo corso del partito. E forse anche per evitare qualche contestazione dalla base. I cerchisti hanno acquisito nuovo slancio. La debacle alle comunali ha riacceso lo scontro. I 'maroniani' puntano il dito proprio contro i cerchisti, responsabili degli scandali che infangano il partito e quindi colpevoli per la sconfitta. I cerchisti se la prendono con la decisione, a loro dire suicida, di correre da soli al voto. Qualcuno si spinge oltre: "Altro che Lega 2.0 - scherza - ma Lega 7 a 0, o al massimo la Lega 2.0 per cento. Le cose così non vanno". Sulle alleanze, Maroni chiarisce i motivi della scelta di correre da soli: "Non era pensabile fare un accordo con il Pdl - spiega il triumviro - Sono stati loro a sbagliare ad appoggiare il governo Monti, noi siamo stati coerenti". Di fatto, nel partito le divisioni sono forti. Anche per questo, oltre che per evitare l'accavallarsi con i congressi regionali di Veneto e Lombardia, si è deciso di rinviare il tradizionale raduno di Pontida a luglio, dopo il congresso federale. A fine giugno si giocherà la battaglia finale per la conquista della Lega. Maroni appare in pole, malgrado i tentennamenti di Bossi; i veneti, intanto, sono alla finestra. E' da loro che dipenderà il nuovo corso leghista.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni