Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ucraina: centraline Veneto attive per monitoraggio nucleare

Ucraina: centraline Veneto attive per monitoraggio nucleare

A Verona e Belluno, dell'Agenzia regionale per l'ambiente

PADOVA, 05 marzo 2022, 12:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Le centraline dell'Agenzia regionale per l'ambiente del Veneto (Arpav) a Verona e Belluno sono attive da alcuni giorni, nell'ambito di un più ampio sistema di controllo ed allerta, per captare eventuali segnali di allarme nucleare. L'inizio del monitoraggio, secondo quanto si è appreso, risale al 26 febbraio scorso, quando gli annunci di guerra facevano ventilare l'ipotesi dell'utilizzo di testate nucleari. Il sistema era in funzione anche la scorsa notte, quando la centrale nucleare di Zaporizhzhia in Ucraina è stata attaccata dall'esercito russo.
    I controlli Arpav fanno parte di una rete nazionale coordinata dal Sistema nazionale di protezione per l'Ambiente (Sinpa), che elabora i dati e li mette a disposizione dell'Ispettorato nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione. A quanto risulta, nulla di anomalo è stato registrato fino ad oggi.
    I controlli delle particelle radioattive nel particolato atmosferico sono eseguiti ciclicamente nel corso degli anni, questa volta però i dati saranno messi in rete per controllare possibili effetti connessi al conflitto in atto. In caso di emergenza sarà la protezione civile a intervenire. Le particelle ricercate nel particolato atmosferico sono Cesio-137 e Iodio-131.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza