Con onde sonore Venezia vede migrazione pesci mare-laguna

Possibile 'warning' per specie pericolose in arrivo

(ANSA) - VENEZIA, 30 SET - Sono le onde sonore captate dall'ecoscandaglio a consentire a Venezia lo studio delle migrazioni delle specie marine tra la laguna e l'Adriatico, in entrata e in uscita. Questo perché le bocche di porto non sono più semplici corridoi tra mare e laguna, ma veri e propri habitat scelti da pesci e organismi marini che ne amano le caratteristiche, nonostante la cementificazione. Ora non solo è possibile 'vedere' il passaggio di banchi di pesci, ma addirittura riconoscere specie di piccolissime dimensioni.E' l'esito di una campagna di studi effettuata dall'Università Ca' Foscari di Venezia grazie al progetto Exchange, appena concluso, finanziato dal Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP 2014-2020).
    Le campagne di monitoraggio hanno messo in luce come le tecnologie di rilievo acustico, grazie alla loro rapidità, possano essere impiegate come strumento di 'early warning', cioè di allerta preventiva. Emblematico il caso della noce di mare (Mnemiopsis leidyi) un celenterato invasivo la cui popolazione dal 2016 ha un'esplosione della popolazione. Questo organismo dall'aspetto gelatinoso, erroneamente scambiato per medusa, si nutre di larve e uova ed è responsabile del crollo della pesca delle sardine. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie