Musica: alla Fenice "La Traviata" in forma Covid-19

Opera torna a Venezia in allestimento semi-scenico

(ANSA) - VENEZIA, 23 SET - Violetta, quando il sipario si alza, è sdraiata in un letto d'ospedale. Ci sono medici che l'assistono. Sono le sue ultime ore, ma in lei pulsa un desiderio di vita, di resistenza al male che l'uccide. Il "Libiamo ne lieti calici" trasforma, come tra realtà e sogno, la branda in un sofà rosso, con il coro ad alzare i bicchieri, presente ma immobile, visibile ma distante, dietro un tulle.
    "La Traviata" di Giuseppe Verdi, nella regia di Christophe Gayral, in scena al Teatro La Fenice il 25 e 27 settembre, fa i conti con il Covid-19, con le regole di sicurezza per cantanti, orchestra e pubblico, ma urla nella sua "sperimentazione" la volontà di un Teatro lirico che vuole trovare la strada per costruire il nuovo, trasformare le difficoltà, le restrizioni in opportunità. Ne è convinto il sovrintendente Fortunato Ortombina: "Le misure di contenimento, le distanze tra persone, devono essere non un limite ma una risorsa, una fonte di ispirazione creativa".
    In scena per la prima volta proprio alla Fenice il 6 marzo 1853, la Traviata fu scelta per l'inaugurazione del Teatro "dov'era com'era" dopo l'incendio del 1996. L'allestimento sarà di Gayral in una forma semiscenica, anche se per Ortombina il "semi" si potrebbe togliere. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie