A Verona riapre galleria Forti nel segno di Ugo Zannoni

Rassegna dedicata allo scultore, collezionista e mecenate

(ANSA) - VERONA, 26 GIU - Riaperta oggi a Verona la Galleria d'arte moderna Achille Forti dopo il lungo stop imposto dal lockdown. La ripartenza è affidata alla mostra "La mano che crea. La galleria pubblica di Ugo Zannoni (1836-1919) scultore, collezionista e mecenate", tema conduttore dell'allestimento espositivo, è un viaggio nella storia secolare del collezionismo veronese, che ha contribuito a fare della città una delle mete d'Italia più ammirate e ricche di monumenti e musei.
    Artista che visse una lunga carriera all'insegna di relazioni artistiche tra Verona, Milano e Venezia, tra il 1905 e il 1918, Zannoni donò ai Musei Civici veronesi la sua collezione di circa 200 opere d'arte, contribuendo così a gettare le basi per la costituzione di una Galleria d'Arte Moderna nella città scaligera. Inoltre è celebre per avere realizzato la statua di Dante Alighieri collocata in piazza dei Signori. Infatti questa esposizione, che sarà aperta fino a gennaio 2021, è stata volutamente concepita per essere proposta al pubblico in concomitanza dell'ufficiale apertura dell'anno dedicato alle celebrazioni dei 700 anni della morte di Dante, prevista il prossimo settembre 2020. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie