Regole per tornare a navigare

Porti, boating, charter, diving

Responsabilità editoriale Saily.it

COME RICOMINCEREMO A NAVIGARE - Confindustria Nautica: pubblicate le linee guida del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la ripartenza della navigazione da diporto privata e il charter. Ci sono ancora norme disomogenee in alcune regioni. Il presidente CN Saverio Cecchi: "Continuiamo a lavorare per migliorare la normativa". In arrivo chiarimenti sulle modifiche al Codice della Nautica - ATTESO PER OGGI IL PROTOCOLLO FIV AGGIORNATO PER I CIRCOLI VELICI

 

Tempi e modi per tornare a navigare, per diporto, lavoro e sport, iniziano a delinearsi. Uscire in barca e progettare vacanze sul mare è una prospettiva credibile. E' già un grande risultato, se pensiamo a come stavamo solo un mese fa. Guardia alta e attenzioni massime, come si sa, perchè il virus circola ancora, certo più a terra che in mare, ma insomma: guardiamo con fiducia verso il blu che ci aspetta. 

La barca, tendenzialmente, è considerata come una seconda casa: quindi le regole saranno sostanzialmente le stesse.

E IN GIORNATA E' ATTESO IL PROTOCOLLO FIV PER I CIRCOLI VELICI, AGGIORNATO DOPO L'ULTIMO DECRETO

Nella tarda serata di domenica, secondo i tempi dell'era Covid, il Ministero dei Trasporti ha diffuso le linee guida per i porti turistici, la navigazione privata, il charter e il diving. Sempre nel pomeriggio di ieri i vertici di Confindustria Nautica avevano preso parte a una video conferenza stampa sul tema, alla presenza della stampa nazionale, diffusa in diretta sul canale Facebook dell’Associazione, nella corso della quale avevano anticipato le principali regole. 

“Dopo aver ottenuto la ripresa delle attività della produzione già dal 27 aprile, una settimana prima della riapertura dell’industria, delle reti di vendita il 5 maggio scorso – ha dichiarato il Presidente di Confindustria Nautica Saverio Cecchi -  ora può ripartire anche la navigazione, ancora però nell’ambito delle regole generali di spostamento. Fino al 3 giugno, infatti, permane il divieto generale di spostamento fra diverse regioni e l’arrivo dall’estero, che saranno liberalizzati da quella data. Nel frattempo continuiamo a lavorare per migliorare la normativa, soprattutto per quanto riguarda i limiti di imbarco fra persone non conviventi.”

Purtroppo alcune iniziative non coordinate o locali si sono mosse chiedendo l’equiparazione della barca alla propria abitazione, assunto da cui discendono le restrizione agli imbarchi dei non conviventi. Confindustria Nautica continua a ritenere che l’unità da diporto, per l’intrinseca limitazione ai contati sociali, la possibilità di sanificazione monitoraggio e tracciamento, offra il maggior grado di riduzione all’esposizione di contagio e di aggregazione sociale di ogni altra attività turistica e per questo chiede alla Ministra Paola De Micheli la rimodulazione di detti vincoli.

Questi i punti principali del linee guida emanate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti:

•    nelle navigazione da diporto la responsabilità individuale degli utenti resta l’elemento essenziale per rendere efficaci le ormai note misure di distanziamento sociale. A bordo delle imbarcazioni da diporto private valgono le stesse regole delle unità abitative. La misura primaria resta quindi  il “distanziamento sociale” di almeno un metro a meno che le persone presenti a bordo non vivano nella stessa unità abitativa.

•    Nella locazione dell’unità da diporto (senza equipaggio) si applicano le stesse norme di prevenzione previste per le imbarcazioni private. Sono consentiti alloggi nella stessa cabina a persone che vivono nella stessa unità abitativa.  Si prevede l’utilizzo di dispositivi di protezione individuali durante le operazioni di ormeggio, disormeggio, bunkeraggio ed eventuale assistenza in porto, Per gli ospiti valgono le regole generali sul distanziamento sociale e sulle misure di prevenzione interpersonali.

•    Nel noleggio sono previsti la sanificazione dell’unità ad ogni utilizzo, quella periodica dei locali di vita dell’equipaggio, l’utilizzo dei dispositivi di protezione sempre obbligatorio durante le operazioni di ormeggio, disormeggio, bunkeraggio e eventuale rimorchio da parte di mezzi nautici dei marina. Per quanto riguarda il personale imbarcato. È previsto l’obbligo di sottoposizione (prima dell’imbarco) e periodica al test di positività al CoVid-19, il cui esito dovrà essere custodito a bordo e misurazione obbligatoria della temperatura con cadenza giornaliera. Divieto di accesso a bordo di persone estranee.

Al link che segue http://www.mit.gov.it/comunicazione/news/fase-2bis-linee-guida-mit-per-il-trasporto-nautico-e-la-balneazione è possibile prendere visione nel dettaglio del provvedimento del MIT che prevede regole anche per i porti turistici, i centri diving e le attività subacquee  sportive e ricreative.

Responsabilità editoriale di Saily.it