E Patriot apre la seconda serie di AC75

36 America's Cup

Responsabilità editoriale Saily.it

AMERICAN MAGIC PRIMO A VARARE LA NUOVA BARCA - Rispetto a Defiant (il suppostone) Patriot appare più sfinato, basso di bordo, sempre tondeggiante ma più tradizionale sul dritto di prua. Un passo che la avvicina alle barche neozelandese e italiana... Presto i vari delle altre seconde barche, nell'ordine sono attesi New Zealand, Luna Rossa e Ineos - DUE VIDEO DEL VARO E PRIMO TRAINO IN FOILING

 

di Fabio Colivicchi

Resta primo nei vari. Therry Hutchinson, personaggio esperto e super navigato, bada ai dettagli e si tiene la palma di primo team a varare le nuove barche, come se in qualche modo American Magic indicasse la strada. Cosa che del resto il New York Yacht Club ha fatto per oltre 130 anni in Coppa America. Il suppostone di Defiant, mezzo scow, tutto nero lucido, che aveva sorpreso parecchio al primo varo un anno fa, trova il suo sviluppo naturale, frutto delle ore di navigazione, delle simulazioni, delle idee del team.

E' la strada che tutti stanno percorrendo in questa America's Cup di rivoluzione: primi monoscafi volanti, classe tutta nuova, sistema delle braccia dei foil e albero one design, il resto libero (scafo, coperta, appendici, vele e soprattutto sistemi idraulici, la base per creare la potenza necessaria a questi velieri onnivori di energia) per sfrecciare a 50 nodi con una decina di persone col casco a bordo.

La strada è la stessa, ma finora si sono viste direzioni e scelte molto diverse. Le barche 1 erano quattro opzioni uniche e originali, diverse tra loro, o almeno tre e mezzo, dando per molto simili Luna Rossa e Te Aihe (la barca del defender kiwi). Ora che tutti hanno sviluppato meglio i concetti ed elaborato i numeri, è probabile che vedremo delle seconde barche molto più somiglianti. E' un processo di avvicinamento al massimo possibile nei binari della classe.

COM'E' PATRIOT? - Al primo sguardo, rispetto a Defiant la nuova barca di New York appare più fina, più bassa, meno "tozza", non è più un suppostone insomma, è un AC75 che comincia ad avvicinarsi allo standard della classe. Prua normale e non più a punta tonda, anche se le linee dello scafo tondeggianti sulla parte prodiera restano piuttosto pronunciate, e un incavo proprio sul mascone che è una delle novità più visibili. I due corridoi ormai acquisiti come layout di coperta appaiono più stretti e rialzati. La posizione del timoniere è molto più verso prua, e i grinder lavorano praticamente senza emergere dal loro corridoio, per una migliore aerodinamica... La linea dello scafo verso poppa è più rastremata.

Sull'opera viva si nota più che un accenno a un sottochiglia marcato, stile Luna Rossa, che già gli inglesi hanno copiato agli italiani. Nel primo video che la ritrae foileggiante al traino per i test strutturali e di volo, Patriot tende a restare appruato, ma questo si era notato parecchio anche nelle altre barche 1, e dovrebbe correggersi sotto vela. Insomma la nuova barca sarà anche patriottica, ma di fatto avvicina lo sfidante USA al defender e quindi a Luna Rossa. Un trend che potrebbe significare qualcosa... Se nella seconda barca un team si avvicina alla prima barca di un altro team, secondo voi chi sta meglio?

La prossima seconda barca a essere varata dovrebbe essere quella neozelandese, il cui lancio sembra imminente.

IL VIDEO DEL VARO

IL VIDEO IN VOLO AL TRAINO

Responsabilità editoriale di Saily.it