New York pronto al varo di Patriot

36 America's Cup

Responsabilità editoriale Saily.it

PRIMI CON LA SECONDA AC75 - Si chiama Patriot la seconda barca della sfida del NYYC con il team American Magic. La barca è già in volo per Auckland, venerdi mattina è attesa alla base USA. Sei settimane e la vedremo in mare - COSA SI VEDE DALLE FOTO

 

di Fabio Colivicchi

E' partita da Providence (Rhode Island) e si chiama Patriot: con le stelle e le strisce è tutto un profluvio di nomi e termini evocativi, simbolici, di bandiera. New York era stato il primo a varare, sebbene in gran segreto, la pima barca AC75 (il suppostone), e resta in vantaggio nel timing: anche la seconda barca USA batterà la concorrenza. Venerdi all'alba entrerà nella base di Auckland e da quel momento passeranno sei settimane di preparazione prima di poterla vedere in acqua, magari a fianco alla sorella maggiore, Defiant. Il viaggio in aereo durerà 72 ore con stop a Chicago e Honolulu, prima della Nuova Zelanda.

Therry Hutchinson, skipper ed executive director del team: "Sono felice di proseguire gli allenamenti su Defiant, la nostra barca 1. E' un peccato che non abbia fatto neanche una regata nella sua carriera. Mia mamma Patti l'ha battezzata al varo nel settembre scorso e poi tutto è cambiato come sappiamo. Ma Defiant è servita per capire tante cose e a farci guardare avanti, verso Patriot." In effetti i due eventi AC World Series di Cagliari e Portsmouth (aprile e giugno) sono stati cancellati per la pandemia e la prossima regata, la prima, per gli AC75 sarà ad Auckland in dicembre. Evidentemente Hutchinson già ritiene che New York userà la seconda barca.

PRIME IDEE SULLA FORMA DELLA NUOVA BARCA - Dalle foto dello scafo impacchettato si capisce poco, ma si puo' intuire che il profilo della barca mostra un cavallino convesso più accentuato della precedente, con forte rastremazione verso poppa. Quanto alla prua, i rigonfiamenti del packaging di trasporto impediscono di indovinarne la forma esatta (anche se sembrerebbe una prua inversa, stile catamarano), ma in linea di massima sembra meno rotonda della precedente che si avvicinava a uno scow.

Hutchinson ha anche raccontato che il Governatore dello stato del Rhode Island dove ha sede il cantiere, fortunatamente ha consentito alle fabbriche di restare aperte nonostante le misure anti-Covid. Una situazione analoga a quanto avvenuto a Bergamo dove ha sede il cantiere Persico di Luna Rossa.

Il tempo del resto corre per tutti, le seconde barche saranno varate e le vedremo a stretto giro da parte del defender Emirates Team New Zealand, di Luna Rossa Prada Pirelli e di Ineos UK. Giorno più giorno meno, le squadre avranno meno di tre mesi per essere pronti con le barche nuove a punto per l'avvio della Prada Cup per gli sfidanti (15 gennaio-22 febbraio), il cui vincitore sfiderà i kiwi per la Coppa tra i 6 e il 21 marzo 2021.

Responsabilità editoriale di Saily.it