Per il Micro Belimo è Lago Maggiore record

Missione compiuta

Responsabilità editoriale Saily.it

MicroMaggiore Record: impresa compiuta! A vele spiegate attraverso il Verbano. Belimo ITA-80, il piccolo cabinato classe Micro campione del mondo, ha stabilito il nuovo record del lago: 5 ore e 58 minuti. Vento inizialmente instabile, poi favorevole sui 18 nodi con punte a 28 nodi

 

Impresa compiuta! Il micro Belimo ITA-80 ha concluso con successo, nel tardo pomeriggio di ieri – 9 gennaio –, la traversata completa del Lago Maggiore per la sua intera lunghezza, dalla Svizzera fino all’Italia, registrando il primo tempo di riferimento per il nuovo MicroMaggiore Record, organizzato dalla Lega Navale Italiana – Sezione di Meina.

Dati e pubblico - Con partenza da Minusio, in Svizzera, alle ore 11:13, il piccolo cabinato della Micro Class Italia, condotto dai tre velisti varesini Matteo Vanelli, Tayler Nizzetto e Alessandro Moratti, ha chiuso il lungo percorso, della lunghezza totale di circa 39 miglia, in 5h58’, giungendo all’arrivo di Sesto Calende (VA), in Italia, alle ore 17: 11, quando ormai iniziava ad imbrunire. Una lunghissima traversata, caratterizzata da condizioni di vento decisamente varie, e talvolta ben poco favorevoli, e seguita in remoto da un numeroso pubblico di sostenitori e appassionati che, attraverso internet e un innovativo sistema di tracciamento GPS, hanno potuto seguire l’intera avventura di Belimo in tempo reale sul proprio computer. A fine giornata, l’evento online ha registrato oltre un migliaio di visualizzazioni.

Le condizioni meteo - Eppure l’atmosfera mattutina alla partenza di Minusio appariva ben diversa, con la piccola imbarcazione solitaria ferma sulla linea di partenza in una preoccupante assenza di vento che ha poi causato lo slittamento del via di circa un paio d’ore. Navigazione lenta, quindi, nel primo tratto di Verbano, con vento debole e instabile in partenza e poi rafficato fino ad oltre il confine con l’Italia.

Circa a metà percorso, grossomodo nello specchio d’acqua antistante Laveno, Belimo ha agganciato una situazione meteo più favorevole con vento stabile intorno ai 18 nodi e punte in raffica fino a 28 nodi che gli ha permesso di aumentare notevolmente l’andatura. Condizioni rimaste poi stabili fin quasi all’arrivo, certificato dal suono di tromba del giudice FIV (Federazione Italiana Vela) che ha infine registrato il tempo totale.

Il commento - «Faticoso ma indiscutibilmente bello!», è il primo commento del tattico Matteo Vanelli, il quale, a nome di tutto l’equipaggio, ha espresso all’arrivo la soddisfazione per un’impresa inedita compiuta felicemente e senza intoppi.
«È un successo che condividiamo con tutto il team tecnico che ha preparato e seguito con noi tutto l’evento e che ci ha permesso oggi di dedicarci alla conduzione della barca in tutta tranquillità. Un team che, vorrei sottolineare, ha operato a titolo volontario, mosso solo da una grande passione, ciascuno per il proprio ambito, fin dall’inizio di questa avventura».

Sfida lanciata - «Vedersi tutto il lago in un sol giorno è un’esperienza turisticamente meravigliosa, e ancor più se arricchita da un po’ di competizione», ha aggiunto Vanelli riferendosi alla possibilità, da parte di altri equipaggi, di ripetere la traversata e battere il nuovo record. «Lo consiglio vivamente!», conclude Vanelli. Micro Class Italia condivide l’invito e avvisa quanti vorranno tentare l’impresa di rivolgersi alla Lega Navale Italiana – Sezione di Meina, depositaria del bando del record, per avere tutte le informazioni per la partecipazione.

 

PREVIEW - Si alza il vento sul Lago Maggiore e l’equipaggio di Belimo ITA-80, il piccolo e vincente Flyer 5,50 della Micro Class Italia, si prepara a spiegare le vele per compiere la sua prossima impresa: percorrere il Verbano per l’intera lunghezza, dalla Svizzera all’Italia, stabilendo così un primo tempo di riferimento e un nuovo record da battere per quanti, successivamente, vorranno ritentare la rotta.

Quasi 40 miglia nautiche a vele spiegate, dalla foce del Ticino a Minusio, in Svizzera, fino a Sesto Calende (VA), in Italia, dove il lago torna a farsi fiume, per un’impresa velica inedita che vedrà impegnato il piccolo cabinato a sfidare onde e vento per porre le basi per un nuovo record internazionalmente riconosciuto, denominato MicroMaggiore Record,ambizioso ma alla portata di tutti i velisti sportivi.

Un progetto inseguito per oltre un anno e fortemente voluto dall’equipaggio di Belimo ITA-80 che, mesi fa, ne ha lanciato la prima campagna. La complessa burocrazia per il riconoscimento internazionale del record, che ha portato più volte a rimandare la partenza anche quando questa sembrava imminente, e l’inizio di una lunga stagione sportiva che ha visto l’equipaggio di Belimo conquistare, nell’ordine, il titolo assoluto italiano Micro Class, il Campionato del Mondo di categoria e il Circuito Europeo, hanno determinato un allungamento dei tempi di preparazione dell’evento che sta per giungere ora al suo compimento.

Mercoledì mattina 9 gennaio, individuata la finestra meteo ottimale, l’equipaggio di Belimo ITA-80, formato da tre velisti varesini che fanno parte della squadra agonistica nazionale Micro Class Italia: Matteo Vanelli, Alessandro Moratti e Tyler Nizzetto, spiegherà le vele al vento e, alla presenza del giudice FIV (Federazione Italiana Vela), darà il via all’impresa.

L’evento MicroMaggiore Record è organizzato dalla Lega Navale Italiana - Sezione di Meina (NO). Il team d’appoggio è composto dal coordinatore tecnico Micro Class Italia Andrea Negri e Giulio Fabbro per la parte logistica, e del supporto tecnico del meteorologo Marcello Mazzoleni di MeteoSincero.it. Il percorso sarà documentato anche da riprese video, aeree e da terra, effettuate da Ricky Mezzera di Extreme Production e da Riccardo Malacrida per la parte di ripresa con drone.

Tutti gli appassionati, i sostenitori o i semplici curiosi potranno seguire l’evento in tempo reale e verificare in ogni momento la posizione dell’imbarcazione durante la navigazione, collegandosi al sito ufficiale di Micro Class Italia: www. microclassitalia.com.

Responsabilità editoriale di Saily.it
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: