Sanità: Usl Vda, al via servizio telepsichiatria a febbraio

Sarà affidato alla cooperativa Les Aigles

Dal prossimo mese di febbraio sarà attivato il servizio di telepsichiatria in Valle d'Aosta. Lo ha annunciato l'assessore regionale alla sanità, Roberto Barmasse, rispondendo ad un'interpellanza di Mauro Baccega (Pour l'Autonomie).
    "L'Usl sta portando a termine - ha detto - l'affidamento del servizio, nel rispetto delle procedure in materia di appalti, alla cooperativa Les Aigles che lo ha proposto a luglio 2020.
    L'obiettivo del progetto è di introdurre la telepsichiatria nei servizi di salute mentale, prevedendo la fornitura del servizio di formazione, implementazione di apparecchiature tecnologiche per l'erogazione di prestazioni sanitarie di tipo psichiatrico, psicologico, educativo, integrate dalla possibilità di riunioni interdisciplinari tra i vari operatori coinvolti e finalizzate al miglioramento dei servizi forniti" Il progetto implica la realizzazione di tre postazioni, di cui due di tipo "Host" dedicate all'utilizzo da parte degli utenti dei poliambulatori di Châtillon e Donnas con supporto di un operatore, e una di tipo "Studio", dedicata all'utilizzo da parte degli psichiatri che erogano le prestazioni di telepschiatria nella sede del Dipartimento di salute mentale ad Aosta".
    "Si è riscontrato - ha dichiarato Baccega - un aumento di disturbi d'ansia e di depressione, generati da isolamento, paura del contagio, difficili condizioni economiche. Tenuto conto delle effettive difficoltà nel reperire medici psichiatri, ma anche delle estremamente positive e fondamentali esperienze già avviate in via sperimentale per interventi di telepsichiatria, abbiamo chiesto alla Giunta regionale di finanziare questo progetto già sperimentato, disgiunto dai progetti in itinere di telemedicina". 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie