750 cuori per dire grazie a sanitari valdostani

Associazione 'Io creo' ha consegnato oggi manufatti realizzati

Un gesto di riconoscenza nei confronti di chi ha combattuto, in prima linea, contro il coronavirus: è l'iniziativa dell'Associazione artistica 'Io creo' che oggi ha consegnato all'azienda Usl della Valle d'Aosta 750 cuori realizzati dagli artisti-hobbisti di tutta Italia durante la pandemia, con materiali disponibili nelle loro abitazioni e pensati secondo le proprie capacità artistiche e con le tecniche a loro più congeniali. I manufatti sono stati affidati al Direttore del Dipartimento delle Discipline mediche Giulio Doveri, al Coordinatore sanitario dell'emergenza Covid-19 e Direttore del Dipartimento di Emergenza, Rianimazione e Ansestesia Luca Montagnani e al Commissario Usl Angelo Michele Pescarmona.
    "Tutti i Cuori sono stati raccolti da volontari in svariate città italiane e vengono donati agli ospedali in segno di solidarietà, gratitudine e ringraziamento sincero", ha spiegato Cristina Campana, referente regionale dell'associazione in una cerimonia tenutasi davanti all'ospedale Parini di Aosta.
    Per il commissario Pescarmona "ancora una volta un piccolo gesto diventa importante ed aiuta a 'tenere duro' e a 'non mollare'.
    Può anche sembrare scontato, ma posso garantire che non è così e chi ha vissuto l'esperienza del virus, da paziente come da operatore, non può non apprezzare anche i piccoli gesti significativi, come questo". 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030



        Modifica consenso Cookie