Comunali: appello amministratori, voto è dovere civico

'Anche nei Comuni dove non vi è competizione elettorale'

(ANSA) - AOSTA, 16 SET - In vista dei prossimi appuntamenti elettorali gli amministratori locali valdostani ribadiscono "quanto sia essenziale che, in tutto il territorio, i cittadini esercitino il dovere civico del voto, sancito dalla Costituzione, anche nei Comuni dove non vi è competizione elettorale tra più liste". E' la posizione espressa oggi in una nota dal Consiglio permanente degli enti locali "Superare la soglia del quorum del 50% più uno degli elettori iscritti nelle liste elettorali del Comune, - si spiega - assicurando che più della metà dei voti siano validamente espressi e scegliere così i propri rappresentanti, qualunque sia l'orientamento politico da essi rappresentato, è necessario per un pieno svolgimento della vita democratica e per assicurare la partecipazione civica all'amministrazione del bene pubblico". Secondo i componenti dell'assemblea degli enti locali valdostani "non riuscire ad eleggere Sindaco, Vice Sindaco e Consiglio comunale, avrebbe fra le conseguenze il commissariamento del Comune, ovvero sarebbe nominato un Commissario straordinario per la gestione provvisoria dell'Amministrazione, fino al rinnovo degli Organi ordinari".
    "In un momento storico in cui è fondamentale fornire risposte pronte ed efficaci alla popolazione, - proseguono - e in concomitanza con la ripresa delle attività economiche e scolastiche, tutti i cittadini valdostani devono a loro volta assicurare il proprio coinvolgimento responsabile attraverso l'esercizio del voto, affinché il meccanismo democratico continui a funzionare e il territorio comunale sia rappresentato in tutte le sue componenti, senza lasciare indietro nessuno".
    (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie