Sci nordico: da Regione ok a sostegno per conservazione neve

Assemblea valdostana approva mozione su 'snow farming'

Un sostegno regionale per lo 'snow farming', ovvero la conservazione della neve dell'inverno precedente, per poter programmare e anticipare la prima apertura delle piste di sci di fondo: è quanto prevede una mozione presentata dalla Lega Vda, emendata dalla maggioranza e approvata all'unanimità.
    Il testo impegna il Governo regionale a "modificare la legge regionale 18/2008 (Interventi regionali per lo sviluppo dello sci nordico) inserendo un sostegno apposito, anche per la gestione, per chi avvierà la sperimentazione dello snow farming oltre che la predisposizione da parte degli uffici di un'apposita graduatoria tra i gestori che si renderanno disponibili ad avviare la sperimentazione".
    "Stiamo parlando - ha detto Dennis Brunod (Lega Vda) - di un'iniziativa dal potenziale rilievo economico e turistico.
    Mettendo in pratica lo snow farm, eviteremmo ai nostri ragazzi, nei mesi di ottobre e novembre, lunghe trasferte per potersi allenare, perdendo così giorni di scuola. Allo stesso tempo, questo progetto darebbe la possibilità di far rimanere risorse sul nostro territorio, a vantaggio dell'economia locale andando ad allungare la stagione turistica.".
    Claudio Restano (VdA Unie) ha proposto di emendare la mozione inserendo una modifica alla norma che finanzia le piste di sci nordico: "Si è investito tantissimo nel settore dello sci nordico, ma non abbiamo raccolto molto: abbiamo piste molto valide a livello agonistico ma a livello turistico non siamo riusciti ad avere il giusto appeal. Ad oggi, la legislazione regionale prevede contributi per le spese di investimento, ma per incentivare località che vogliono avviare un discorso del genere, sarebbe opportuno contribuire anche alle spese di gestione".
    "Lavoreremo su una proposta di legge - ha osservato l'Assessore allo sviluppo economico, Luigi Bertschy - che vada a completare il lavoro svolto nel tempo a sostegno degli sport invernali; in particolare, per lo sci di fondo nel 2019 abbiamo approvato delle modifiche alla legge e composto un tavolo di lavoro che ha prodotto risultati, tra cui l'indicazione delle località che potrebbero raccogliere la sfida dello snow farming (Torgnon, Bionaz, Cogne, Saint-Barthélemy, Gressoney). Il lavoro può proseguire e l'integrazione delle risorse finanziarie aiuterà lo sviluppo dell'idea. Deve essere ben chiaro l'obiettivo da perseguire e il territorio deve essere consapevole della portata di questo investimento e pronto a interagire".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie