Valle d'Aosta

'Ndrangheta: Libera Vda, ora nessuno può dire 'non sapevo'

'Con condanne Geenna emersa fragilità comunità valdostana'

"Dopo queste sentenze ora nessuno può più dire 'non sapevo' e chi continua a sottovalutare la presenza criminale o addirittura a negarla diventerebbe complice della presenza della organizzazione criminale nel territorio".
    Così Libera Valle d'Aosta commenta le 15 condanne nei due processi d'appello scaturiti dall'inchiesta Geenna sulle infiltrazioni della 'ndrangheta nella regione alpina.
    "È emersa - prosegue Libera, che era parte civile nei processi - la fragilità della comunità valdostana di fronte all'arroganza del potere mafioso ed alla contemporanea capacità di tessere rapporti mantenendo un basso profilo, nel disinteresse generale di una comunità troppo spesso incapace di riconoscere i segnali della presenza delle mafie sul territorio".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie