Valle d'Aosta

'Ndrangheta: Rini, colpita da cattiveria politici su Sorbara

'Pena per chi sparava a zero e oggi lo osanna'

"Quello che più mi ha colpita è stata la cattiveria, la meschinità di tanti (troppi) nostri, allora, colleghi. Politici (attorniati dai soliti noti) che non hanno perso tempo per sfruttare pro domo loro questa vicenda, riversando su Marco, probabilmente, tutte le loro di manchevolezze!". Lo scrive in un post su Facebook Emily Rini, coordinatore regionale di Forza Italia e membro della Commissione paritetica. Nel gennaio 2019, quando fu arrestato il consigliere regionale Marco Sorbara - assolto in appello dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - Rini era presidente dell'assemblea regionale.
    "Ancora più pena - aggiunge - mi fanno coloro che fino a ieri sparavano a zero, senza rispetto alcuno, su Marco e oggi, perché assolto, sono pronti ad osannarlo. Il silenzio, in questo caso, sarebbe davvero d'oro".
    "Avevo lavorato al suo fianco e - afferma Rini - mi sembrava davvero incredibile poter credere a quell'accusa così pesante per lui". Quindi si chiede: "Chi restituirà la serenità a Marco violata da 909 giorni di detenzione?". Infine rivolge un pensiero "agli 'amici' politici, politicanti e politichesi che spesso godono delle disgrazie altrui, che come dice un noto detto 'sui cadaveri dei Leoni festeggiano i cani. Ma i Leoni rimangono Leoni e i cani rimangono cani'".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie