Valle d'Aosta

Inchiesta Finaosta, in appello chiesto un anno per Rollandin

Stessa pena proposta per Perron e Leveque

E' di un anno di reclusione e 500 euro di multa ciascuno la richiesta di condanna nei confronti dell'ex presidente della Regione Valle d'Aosta Augusto Rollandin (oggi consigliere regionale), dell'ex assessore regionale al bilancio Ego Perron e dell'ex presidente della Finaosta spa Massimo Leveque nel processo d'appello riguardante la nomina di quest'ultimo a capo della finanziaria regionale. Sono accusati di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente.
    L'udienza si è svolta stamane a Torino e l'accusa è rappresentata dal sostituto procuratore generale Giancarlo Avenati Bassi.
    L'udienza di oggi, in cui ha preso poi la parola il difensore di Rollandin (avvocato Giorgio Piazzese) è stata rinviata all'11 marzo (ore 13) per proseguire la discussione, con le arringhe dei difensori di Perron (avvocato Corinne Margueret) e Leveque (avvocato Maria Rita Bagalà).
    Secondo l'inchiesta della procura di Aosta, nel marzo 2015, prima che fosse pubblicato il bando per la nomina del presidente, Rollandin e Perron ne avevano comunicato il contenuto a Leveque, assicurandogli che il compenso di 31.500 euro annui previsto sarebbe stato aumentato a 100.000: Leveque ne aveva richiesti almeno 80.000.
    Per il gup Luca Fadda, che aveva disposto l'assoluzione "perché il fatto non sussiste", la nomina si pone "al di fuori della nozione di 'gara' delineata dalla Suprema Corte nel proprio indirizzo giurisprudenziale consolidato".
    Per il pm Luca Ceccanti, che aveva fatto appello, invece è "stata erroneamente interpretata la fattispecie contestata e erroneamente e non adeguatamente valutate le prove documentali".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie