Covid: Confcommercio a forze ordine, evitare azioni repressive

Dominidiato, "conseguenze potrebbero essere letali per attività"

    Il presidente Confcommercio - Fipe Valle d'Aosta, Graziano Dominidiato, si appella "a tutte le forze dell'ordine ed enti ispettivi (Usl, Nas) chiedendo esplicitamente di avere massimo riguardo per questo settore attualmente in grave difficoltà, sempre nel rispetto delle leggi ma evitando azioni repressive perché le conseguenze potrebbero ulteriormente aggravare ed essere letali per molte attività".
    Confcommercio ricorda il "difficile momento che stanno vivendo i pubblici esercizi (bar, ristoranti) con l'ennesimo lockdown iniziato domenica scorsa ed il minimo raggio d'azione lavorativo permesso". Infatti con la zona arancione "è permesso loro di lavorare esclusivamente con l'asporto ed il delivery, che nella maggior parte dei casi non è neanche sufficiente per coprire le spese di gestione ordinaria del locale".
    "Chiedo alle forze dell'ordine - sottolinea Graziano Dominidiato - di valutare al meglio le singole situazioni perché in questo momento estremamente precario ogni conseguenza relativa all'ispezione può essere decisiva e drammatica per ogni imprenditore".
    "E' bene rimarcare che - prosegue Dominidiato - i ristoratori e gli esercenti, hanno cercato di rispettare in ogni occasione e con la massima attenzione tutte le regole dettate al fine di limitare la diffusione del contagio, si sono impegnati ad applicare le norme di igiene e le procedure di autocontrollo, i manuali Hacccp, la sicurezza sul lavoro e la relativa formazione. Formuliamo questo accorato invito - conclude - nell'intento di ottenere la massima collaborazione dalle istituzioni e con la convinzione che tutti gli enti capiscano il profondo dramma imprenditoriale ed umano che stanno attraversando". (ANSA).
  

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie