COVID, il punto in Valle d'Aosta

Assessore Barmasse, garantite seconde dosi in attesa ripartire

Ha fatto appena in tempo a raggiungere la vetta della graduatoria delle regioni in Italia per la somministrazione del vaccino Covid ed ha dovuto interrompere la campagna a causa della riduzione dell'approvvigionamento. In Valle d'Aosta finora è stato somministrato il 93,1% delle dosi disponibili ma a seguito dello stop da parte di Pfizer e ai conseguenti tagli delle dosi destinate alle regioni al momento è sospesa la programmazione di nuove prime dosi vaccinali alle categorie appartenenti alla prima fase.
    "Rimane invece confermata - precisano l'Assessorato regionale della Sanità e l'Usl - la pianificazione delle seconde somministrazioni a coloro ai quali è stata inoculata la prima dose, pianificazione garantita dai vaccini messi a riserva nei giorni scorsi e da un ulteriore lotto vaccinale di 1.170 dosi, consegnato oggi". "La riduzione della distribuzione di dosi vaccinali - spiega l'Assessore Roberto Barmasse - ci obbligherà a rallentare di qualche giorno la potente struttura organizzativa, che insieme all'Usl abbiamo attivato per procedere, in tempi celeri, alla vaccinazione di una parte importante della popolazione, requisito quest'ultimo indispensabile per tornare alle nostre abitudini di vita "pre-Covid".
    Il bilancio odierno dell'emergenza Covid è di un morto, che porta il totale delle vittime a 399. I contagiati attuali sono 359, a seguito della 'non positività' di 19 pazienti che era stata invece erroneamente registrata in un primo test. Le guarigioni sono state 33. I pazienti ricoverati sono 46 (38 all'Ospedale Parini e 8 all'Ospedale da campo) di cui due in terapia intensiva. 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie