Valle d'Aosta

Covid: da otto giorni chiusi in casa in attesa esito tampone

Famiglia Aosta aspetta risultato test per tornare a 'normalità'

Da otto giorni aspettano che gli venga comunicato l'esito del tampone di guarigione per poter tornare ad una vita 'normale'. E' una delle tante storie di 'malfunzionamento' della macchina che sta gestendo l'emergenza Covid in Valle d'Aosta. Protagonista è una famiglia di Aosta, padre, madre e due figli adolescenti. "Intorno a metà ottobre - raccontano - abbiamo scoperto di essere tutti positivi al coronavirus e ci siamo isolati in casa". Sono stati classificati 'paucisintomatici', ovvero con sintomi lievi: febbre, mal di testa, spossatezza. Immediatamente è scattata la procedura di 'isolamento' con ordinanza del Comune. "La scorsa settimana siamo stati sottoposti al primo tampone di guarigione - aggiungono - ma stiamo ancora aspettando il risultato, senza poter uscire di casa e con i disguidi del caso, come il fatto che hanno smesso di passare a ritirare i rifiuti. Nemmeno al nostro medico di famiglia è stato comunicato nulla".
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie